Ciao Ste!

Era domenica 5 giugno 2005, il giorno dopo tu, Ale ed io saremmo andati a Gardaland.
Abbiamo passato il pomeriggio ai giardini Estensi, e poi siccome i miei genitori non erano in casa, tu, Ale, Valeria e Laura siete venuti a casa mia, ed abbiamo giocato a scopone scientifico. Solo che loro due non sapevano giocare, per cui io e la Vale abbiamo fatto 10 scope in una partita contro Ale e Laura… Ale era incavolato nero, e noi tre ci stavamo ammazzando dalle risate a vederli litigare… ricordo ancora il suono della tua risata. Per placare gli animi ti sei messo a giocare tu in squadra con Ale, mentre Valeria e Laura hanno giocato dallo stesso lato del tavolo… purtroppo ero nella squadra perdente, ma mi sono divertita lo stesso.
E’ vero, io non butto mai via niente, guarda qua:
risultati partita
In quel tempo scrivevo ancora con il “font” da rapper XD

Dopo abbiamo cercato gli orari dei treni su internet, in questo modo l’indomani saremmo stati di più, e non solo noi 3, a gardaland.
Poi le fanciulle sono andate a casa e voi due siete rimasti a cena da me, per non farmi mangiare da sola… io vi ho cucinato le piadine.
Abbiamo riso e scherzato un sacco, mi ricordo che ad un certo punto mi hai fatto morire dal ridere mentre stavo bevendo ed ho sputato tantissima acqua nel lavandino, per fortuna era a portata di mano! XD

Il giorno dopo siamo andati a Gardaland.
I genitori di Ale ed Eddy, il loro cane, sono stati molto gentili da portarci fin là, noi eravamo ancora minorenni, ma per poco XD.
In auto ti ho sfidato a Poker, abbiamo giocato per tutto il viaggio ed ovviamente ho vinto… peccato che non stessimo giocando a soldi! XD
Poi siamo arrivati, e così, tu, io ed Ale, più gli altri amici che ci hanno raggiunto in treno (Vale, Laura, Luca, Tony, Prezze e Sabrina), abbiamo passato una divertentissima giornata, grazie ai punti dell’Esselunga, che ci hanno permesso di prendere il biglietto.
Mi ricordo che voi 2 siete stati i miei bodyguard quel giorno, eravate sempre accanto a me e mi avete fatto sentire importante… che amici speciali che avevo.
Siamo andati sul Blue Tornado come prima giostra, io avevo appena fatto l’Helix nell’orecchio destro e ricordo che siccome la mia testa veniva sballottata a destra e sinistra mi faceva male, ma era troppo divertente per smettere! L’abbiamo fatto 3 volte! …poi lo Space Vertigo, ricordo che la mia paura più grande era quella di perdere le mie TN nuove, avevo paura che mi volassero di sotto… ahahahaha XD Ale invece combatteva silenziosamente contro le vertigini, e tu ci rassicuravi.
Ci siamo divertiti tantissimo in quella giornata.
Io non avevo ancora il cellulare che faceva le foto, ma tu si, così durante tutto il viaggio di ritorno me l’hai prestato ed ho fotografato praticamente ogni cosa, soprattutto i piedi della tizia della macchina davanti, che erano nudi e fuori dal finestrino XD chissà se le avevi tenute, non te le ho mai chieste, erano solo un gioco, e all’epoca non si usava condividere ogni cosa sui social, tu in particolare non l’hai mai fatto.
Avevo appena iniziato a conoscerti, ma ho sempre pensato che fossi una bella persona, credo che tutti abbiano sempre pensato questo di te.
Siamo stati amici per molti anni, poi ci siamo persi di vista, io ho seguito strade differenti dalle vostre.
L’ultima volta che ci siamo rincontrati “solo noi” era il giorno prima che Ale partisse per Londra, in mansarda da Tommy tutti voi uomini ed io… Già… io XD me lo ricordo ancora la prima volta in cui io mi sono sentita “accettata” anche da te, nel vostro gruppo di soli uomini. Avevi bisogno di un consiglio ed hai esordito in questo modo: <<Ire, ho bisogno della tua opinione, perché tu sei una donna, però diciamo che sei anche un po’ un uomo, … >> è una frase che può sembrare offensiva decontestualizzata, ma quelle parole mi hanno riempito il cuore di gioia.
Siete stati i migliori amici che potessi desiderare, in quel momento della mia vita, e sono onorata di aver fatto parte di voi.
Crescendo è normale separarsi, non lo si fa neanche apposta, succede e basta. Non è una cosa triste, perché non è “per sempre”, al massimo è solo un po’ nostalgica.

Ma adesso è per sempre, questo giorno è arrivato troppo presto e senza motivo. Questa cosa è straziante. Ed è straziante per me, che non ti sentivo da anni… non oso immaginare cosa stanno provando gli altri, i tuoi, e soprattutto Laura. Posso solo dirti che sono sicura che nessuno potrà mai dimenticare la persona splendida che eri, e finché sarà così, vivrai per sempre.

ciao Ste

Annunci