Archivio | agosto 2014

Nail Art – Peppermint Gemstones

Scusate l’assenza di questi giorni, ma sono molto impegnata, le fatidiche date si avvicinano sempre di più… paura!!! Speriamo bene! XD

Ad ogni modo questa è la nail art che vorrei proporvi oggi:

Nail Art Peppermint Gemstones

Questo è l’occorrente utilizzato:
Occorrente Nail Art Peppermint Gemstones

Ma veniamo al procedimento:

  1. Ho steso la base Kiko su tutte le unghie, ed ho aspettato che si asciugasse.
  2. Ho steso lo smalto di Rimmel, peppermint effetto gel, su indice, medio e mignolo, ed ho aspettato che si asciugasse.
  3. Ho steso lo smalto più scuro di Rimmel su anulare e pollice ed ho aspettato che si asciugasse, per poi passare lo smalto glitter di SinfulColor, ed ovviamente ho aspettato che si asciugasse.
  4. Adesso passiamo al decoro, realizzato solo sui medi, è davvero molto semplice, ma d’effetto! Ho applicato un po’ di smalto trasparente sull’angolo del medio.
  5. Con l’aiuto del dotter, sporcato di smalto trasparente, ho applicato i tre strass, in modo che fossero in scala.
  6. Ho ripetuto lo stesso procedimento sul medio dell’altra mano.
  7. Ho applicato il top coat Rimmel per gli smalti effetto gel su indice, medio e mignolo
  8. Su pollice ed anulare invece ho applicato il top coat TOP SHINE di SinfulColors
  9. La penna correggi smalto ovviamente va usata solo se necessario, quando per errore si creano piccole sbavature di smalto, io preferisco passarla quando lo smalto è quasi asciutto perchè anche se è un pochino meno semplice rimuoverlo, la punta della penna si sporca decisamente meno ;)

Rimozione: per anulare e medio consiglio il metodo della carta stagnola, per le altre dita invece basterà il normalissimo solvente. Ovviamente sul medio gli strass faranno un po’ più di resistenza 😉

Spero che questa nail art sia di vostro gradimento! ;D Fatemi sapere la vostra opinione! 😉

Campioncini cosmetici – Parte Prima

La volta in cui stavo sistemando il mio make up, oltre a ritrovare i vari campincini di profumo, ho trovato anche i campioncini dei prodotti più disparati, e recentemente me ne sono capitati altri tra le mani… Al che mi sono chiesta… che scopo hanno i campioncini? Ovviamente quello di farci testare il prodotto, e se ci piace ci spingono a comprarlo, altrimenti ad evitarlo come la peste XD

Ma io come uso i miei campioncini omaggio? Ehm… diciamo che li uso e basta! Ovvero li apro, il prodotto mi dura uno o due giorni, (quando sono generosi anche tre), nella mia mente penso: “wow bello questo prodotto, dovrei compralo, chissà quanto costa”, oppure “uhm… vade retro”… poi butto il contenitore indecente che lo conteneva, perché una volta svuotato si è decisamente ridotto a spazzatura ed è dannoso tenerlo in giro perché potrebbe macchiare in giro, e chi si è visto si è visto.

Un po’ di tempo fa ho provato un fondotinta FIGHISSIMO… sapete ora cosa ricordo? Solo che era di Guerlain e che ho pensato che probabilmente costava una cifra spropositata. Fine. Però mi era piaciuto davvero un sacco e mi ero trovata benissimo! Chissà, magari avrei anche potuto fare una follia e comprarlo, oppure metterlo in whis list… invece l’ho semplicemente rimosso, e se già prima ero titubante sul comprarlo o no, avendo tutte le info, adesso che dovrei farlo andando un po’ a caso, ovviamente non ci penserò neanche lontanamente, dato che sicuramente avrà un costo spropositato! (Mentre scrivevo sono andata un po’ a cercare in rete e credo aver provato “Tenue de Perfection”, che costa € 45,50 XD …il punto è che non ne sono sicura!) Ma cosa voglio dire con tutte queste parole?

Semplicemente che è il caso di tenere traccia dei propri campioncini omaggio, proprio per evitare spiacevoli situazioni di questo genere! Motivo per cui ho deciso di scrivere questo post! XD Servirà sicuramente a me per farmi un’idea migliore dei prodotti testati e spero vivamente che anche voi possiate trovare utile questa serie particolare di review 😉

Iniziamo a farci un’idea con una foto dei campioni attuali in mio possesso:
Campioncini cosmetici
Lo so non sono tantissimi… ma è importante non dimenticare! XD

Immagino che nel tempo aumenteranno (a meno che io non smetta di frequentare le profumerie! 😦 ) quindi mi scuso in anticipo se non farò altre foto di gruppo (magari a Natale, facendo diversi acquisti e nella speranza che siano generosi XD). Ho già intitolato il post “PARTE PRIMA” perché immagino (e spero) che sarà una cosa lunga e continua XD

Ma adesso bando alla ciance ed incominciamo! ;D

PUPA – FONDOTINTA ULTRALEVIGANTE

Effetto giovinezza – Specifico prime rughe – Bassa protezione SPF 8

Pupa ha creato 4 tonalità di questo fondotinta. Io possiedo il campioncino della colorazione numero 2, che ho trovato più scura rispetto al mio incarnato:
Pupa fondotinta ultra levigante omaggio

Fondotinta ultra levigante sublimatore di luminosità, a lunga tenuta, ideato per minimizzare le prime rughe e i segni di espressione. La texture, ricca e cremosa, dona un radioso “effetto giovinezza”, grazie ai suoi principi attivi. Risultato immediato: l’incarnato è perfettamente uniforme, levigato e luminoso. Nel tempo la pelle appare più compatta e rimpolpata. L’applicazione è piacevole, confortevole e a lunga tenuta. Innovativa e pratica confezione con dosatore airless. La coprenza è modulabile da media ad alta. Ideale per pelli normali e secche.

Queste sono le tonalità che potete trovare in commercio:
Pupa fondotinta ultra levigante tonalità

Il suo prezzo è di € 23,60 per 35 ml di prodotto

Pupa fondotinta ultra levigante

Ma ora veniamo alla mia opinione:

Come coprenza è ottima, nulla da dire! Pupa dice medio-alta, ed io confermo pienamente, anzi, direi più alta che media! ;D Per una pelle di 26 anni i trattamenti prime rughe sono già consigliati, più che altro per prevenirle. Riguardo a ciò che dice del risultato immediato riguardo all’effetto levigato delle prime rughe e segni di espressione, io fortunatamente per ora le uniche che ho sono quelle di espressione sulla fronte e boh… non sono sicuramente sparite ma non si sono neppure messe in evidenza… insomma… credo che si sarebbero dovute notare di meno, non sono molto soddisfatta! Sull’effetto nel tempo invece non posso pronunciarmi, avendo provato solo il campione, che è bastato per 3 applicazioni.
L’applicazione è sicuramente a lunga tenuta, (tanto che per struccarmi la sera ho fatto fuori una quantità incredibile di dischetti di cotone e di latte detergente, quindi rimuoverlo è lungo e noioso) però non sono per niente d’accordo sul fatto che sia piacevole e confortevole: questo prodotto infatti puzza in una maniera incredibile!!! Veramente!!! E’ insopportabile!!! Addittura non riuscivo a sentire il profumo che avevo indossato, ma solo la puzza del fondotinta. Sembrerà una cavolata ma questo fattore a mio avviso è importantissimo! Sentirsi questo odore addosso per almeno la prima ora è un’incubo! Per questo motivo io posso tranquillamente ignorare tutti gli effetti favorevoli del prodotto, per me è stato uno strazio indossarlo, e non è una cosa da sottovalutare. Un buon make up deve farci sentire a nostro agio! (PS le altre due applicazioni sono state più confortevoli, forse perché mi sono abituata all’odore, oppure siccome dopo la prima applicazione ho messo il prodotto in un vasetto sigillato, magari il cattivo odore era amplificato dal fatto di stare dentro una bustina chiusa con solventi, e mettendolo nel vasetto è diminuito. Comunque con altri fondotinta omaggio, dal medesimo contenitore questo problema del cattivo odore non mi era mai successo, quindi sicuramente è un prodotto che puzza XD)
Voto: 6.

z.one concept – NO INHIBITION Smooting Cream

Crema extra lisciante con Guaranà ed estratti organici

Z.one concept ha creato una vasta gamma di prodotti della serie NO INHIBITIONS, che si divide in 4 categorie: Styling, Pastes Collection, Smooting e Luxury Body Care.
La crema che sto per mostrarvi fa parte della serie Styling:
z.one concept - NO INHIBITION Smooting Cream omaggio

Smoothing Cream  | Crema extra lisciante
Il liscio estremo piace… resistente all’umidità… dona massima lucentezza… controllando il crespo, rendendo i capelli docili, lisci e setosi.
Con Guaranà & estratti organici. Un’emulsione siliconica innovativa crea un film trasparente agendo come lucidante, protettivo e condizionante senza appesantire i capelli. Speciali agenti condizionanti ed emollienti condizionano i capelli e favoriscono lo scorrimento della spazzola. Agente filmogeno e fissativo favorisce la formazione e la durata del liscio, proteggendo i capelli dall’azione termica grazie all’effetto filmante e anti-umidità.

Modo d’uso:
applicare massaggiando dalle radici alle punte sui capelli tamponati e procedere con lo styling desiderato.

Il suo prezzo è di € 14,82 per 200 ml di prodotto

z.one concept - NO INHIBITION Smooting Cream

Ma ora veniamo alla mia opinione:

Ci sono due tipi di prodotti liscianti: quelli che promettono di ridurre l’effetto crespo, e quelli che promettono di far diventare dritto un capello mosso. Questo prodotto fa parte della prima categoria, quindi mi raccomando, attenzione a non confondermi!!! 😉 Purtroppo quando mi è stato dato questo campione, mi è stato detto che il suo scopo era quello della seconda categoria, per cui sono rimasta un po’ delusa, però andando a guardare la vera descrizione di questo prodotto, fatta dalla casa produttrice non mi posso lamentare. Il crespo lo elimina bene, anche se personalmente, per una questione di comodità, preferisco usare uno shampoo, o un balsamo, che eliminano questo effetto, perchè è più veloce, e si ottengono due risultati in uno. Ovviamente però dipende dai casi… a volte ho bisogno che uno di questi due prodotti sia specifico per ottenere un altro risultato, quindi questo diventa comodo ed utile, in modo da non dover rinunciare a niente. E’ un prodotto che contiene siliconi, e lo dicono anche loro, mettendolo bene in chiaro.
Voto: 7.

Roger&Gallet – BOIS D’ORANGE – Crème riche nourrissante pour le corps

Per lei, per lui. – Crema corpo nutriente

La linea Bois D’Orange, di Roger & Gallet racchiude un’insieme di prodotti tonificanti. La fragranza generica di questa linea è quella del legno d’arancio.

Roger&Gallet - BOIS D'ORANGE - Crème riche nourrissante pour le corps omaggio

Ritrovate la magia di un viaggio olfattivo nel cuore di un giardino andaluso sotto l’ombra degli aranci, con una ricca crema nutriente aromatizzata sui temi dell’arancio. Lasciatevi trasportare in questo viaggio dalla freschezza vibrante e soleggiata delle foglie e dei frutti, la soavità dei fiori, la dolce sensualità del legno d’arancio, il Bois d’Orange. La sua texture morbida e non grassa si fonde immediatamente nella pelle per idratare e nutrire.

Questa crema corpo è molto profumata, e la sua fregranza viene descritta in questo modo:

Freschezza coinvolgente nelle note di testa con la luminosità e la vivacità dell’essenza di mandarino che incontra gli accenti soavi e verdi del basilico-verbena. Dolcezza fruttata nelle note di cuore con un accordo originale sul tema dell’arancio. La forte personalità del neroli, essenza di arancio amaro, unisce dolcezza e un tocco di amarezza speziata. Per contrasto, il fresco germoglio di fiore d’arancio, delicatamente dolce e fruttato. Nelle note di fondo la fragranza rivela la sua sensualità con note muschiate di ambra chiara, palissandro e cedro dell’Atlante. Concentrazione del 9%.

Il suo prezzo è di € 23,00 per 200 ml di prodotto

Roger&Gallet - BOIS D'ORANGE - Crème riche nourrissante pour le corps

Ma ora veniamo alla mia opinione:

Devo dire che questa crema mi piace! Ha una fragranza molto invitante e persistente, senza essere esagerata. La consistenza è densa, ma si spalma bene e si assorbe subito. Mi piace come idrata e nutre la mia pelle, e per di più non unge. Inoltre 12 ml sono una quantità onesta per testare una crema corpo, spesso ne mettono così poca nei campioni omaggio che non si riesce neanche ad usarla una volta sola! Anche questo prodotto contiene siliconi, ad ogni modo io mi sono trovata bene, e l’aroma è molto buono. Questo campioncino me l’hanno dato da Coin, non so se loro ne siano forniti (ma se non lo sono non capisco perché mi abbiano dato il campioncino omaggio) però cercando in rete ho visto che questo prodotto sembra non essere disponibile in Italia, ma solo in Francia, uffa! Tuttavia è possibile comprarlo on-line. Ad ogni modo la linea Bois d’Orange comprende 12 prodotti, 10 dei quali sono tranquillamente reperibili in italia (tra questi c’è anche una crema mani ed unghie XD). Sicuramente mi informerò di più su questa linea, perché mi sembra molto interessante e questa fragranza mi attira parecchio! ;D
Voto: 8.5

Direi che per oggi può bastare così! Prossimamente scriverò altri post, parlandovi degli altri campioni omaggio 😉
Comunque voi conoscete questi prodotti? Ne avete qualcuno? Cosa ne pensate? Fatemelo sapere! ;D

The Very Inspiring Blogger Award

Che emozione… il mio quarto award! ;D (***si commuove con un’ipotetica statuetta in mano*** XD)

Che dire queste cose mi riempiono sempre di gioia! ;D

Vorrei ringranziare i blog Unghie Smaltate 98, Amore, Psiche & MakeUp e My Make-Up Box di conseguenza le loro blogger, rispettivamente Bea, GlossyGirl3 e Laura, che mi hanno conferito il The Very Inspiring Blogger Award, un premio che viene assegnato sia ai blogger che ci ispirano e ci motivano, che a quelli che vogliamo motivare! 😉 Dipende tutto dall’età del blog, e da quanto tempo lo seguiamo nel momento in cui ci viene consegnato 😉 di norma però viene consegnato più frequentemente ai blog che ci ispirano, ma se sono blog appena nati, prende un po’ il posto del Liebster Award.

Personamente l’ho ricevuto da Bea il 14 giugno 2014, da GlossyGirl il 24 giugno 2014, e da Laura il 6 luglio 2014, circa a 5 mesi dalla nascita del mio blog 😉 …quindi ancora grazie ragazze!!! ;D E scusate per il ritardo di questo post, sappiate che è stato per mancanza di tempo, e non di entusiasmo! 😉

The Very Inspiring Blogger Award

Le regole per accettare il premio sono le seguenti:

  • Elencare le regole dell’award
  • Ringraziare il blogger che ci ha nominato sia nel post nostro, che nel suo tramite i commenti;
  • Condividere 7 fatti su di noi;
  • Nominare 15 blog, con i relativi link;
  • Informali del premio lasciando un commento nei loro blog;
  • Regola opzionale: mostrare il logo del premio sul proprio blog e seguire il blogger che ci ha nominato.

Ebbene, quindi ora mi faccio conoscere un po’ di più da voi 😉

  1. Sommando i mesi di vacanza che ho trascorso in sicilia nei miei anni di vita, è come se avessi vissuto lì per più di 3 anni, in particolar modo in un paesino sulla riviera ionica in provincia di messina: Nizza di Sicilia. Di quel paese amo il mare, e la tranquillità. In particolar modo adoravo fissare il mare di prima mattina (quando in spiaggia c’eravamo solo io ed i gabbiani) e di notte, soprattutto con la luna piena (il balcone della casa in cui stavo si affacciava sul mare).
  2. Ho un acquario marino e adoro guardarlo in silenzio, mentre rifletto, come se stessi fissando il vero mare, che come già detto, amo molto. Ovviamente non è la stessa cosa, ma l’ecosistema che si è formato al suo interno è davvero fenomenale.
  3. Mi piacerebbe moltissimo avere un “frutteto” in giardino… prima ovviamente però dovrei avere una casa con il giardino! XD
  4. Oltre ad amare immensamente leggere, adoro scrivere (in caso non si fosse capito! XD), è una cosa che mi fa sentire meglio, e mi piacerebbe dedicare il mio tempo alla scrittura di qualcosa di un po’ più serio del blog… ma non ci ho mai neanche provato perché la vedo un’impresa troppo epica! XD
  5. Vorrei migliorare il mio inglese, in modo che per me diventasse una seconda lingua: in questo modo potrei evitare di aspettare l’uscita di film, libri e telefilm nel nostro paese XD Senza contare che sarebbe decisamente più facile cercare aiuto su google quando scrivo righe di codice, in modo da agevolare il mio attuale studio e futuro (si spera) lavoro. Mi impegnerò… ce la posso fare! ;D
  6. Mi piace il fantasy, ed ho speso del tempo di vita a cercare di imparare l’elfico, mettendomi a studiare sia la grammatica che i vocaboli. So cosa state pensando! Ma siccome ad essere sincera non mi ricordo praticamente più nulla (avevo 14 anni all’epoca) in realtà non cambia poi molto 😉 XD
  7. Sono profondamente convinta che le ferite causate dalle amicizie, siano nettamente più dolorose di quelle causate dall’amore.

Spero di non avervi annoiato troppo! 😉

Questi sono i 15 blog che desidero nominare:

Spero che vi faccia piacere, e che accettiate il premio! 😉

Colore del Mese: Freesia

Eccoci ad un nuovo post della serie “Colore del Mese“.
Oggi andremo a scoprire il color Freesia, un giallo caldo e avvolgente, vitale e carico di positività! E’ un giallo acceso e intenso come il colore dei fiori gialli di fresia:
Fresia Gialla - Yellow Freesia Flower

Questo fiore, originario del Sud Africa, nel linguaggio dei fiori significa “amicizia duratura“.

Per una volta non c’è bisogno di ulteriori informazioni! Questo colore, è semplicemente giallo!!! ;D Certo esistono diverse tonalità di giallo, lo sappiamo, ma rispetto a quelle degli altri colori a mio avviso la sua gamma è un po’ più ristretta. Ad ogni modo questo è il mio colore preferito! Molti pensano che sia il rosa… invece no! E’ il giallo, il “giallo vero” che da ora in poi, so chiamarsi giallo fresia! ;D

Questa può essere la sua rappresentazione in esadecimale ffd336:
Freesia Color

Come sempre, un colore cambia in base al tessuto su cui viene usato, per questo motivo, come di consueto, vi lascio alle immagini, che sono molto più esaustive quando si tratta di colori:

Freesia Yellow Color Giallo Fresia Colore
Freesia Yellow Color Giallo Fresia Colore
Freesia Yellow Color Giallo Fresia Colore
Freesia Yellow Color Giallo Fresia Colore
Freesia Yellow Color Giallo Fresia Colore

Vi ricordo, che per sapere quali smalti di questo colore ci offre il mercato, sarà sufficiente consultare il post di UnghieSmaltate99 che vi linkerò alla fine di questo articolo: lei infatti ha raccolto per voi gli smalti di diversi brand, color Freesia.

Anche questa volta la mia nail art vuole che il colore sia messo in primo piano, ecco a voi quindi la Glitter Sunny Freesia:
Nail Art Glitter Sunny Freesia
Questo è il materiale utilizzato:
Occorrente Glitter Sunny Freesia Nail Art

  • Base Coat deBBY nail THERAPY
  • Smalto Kiko 279 – Giallo
  • Smalto Kiko 269 – Giallo Glitter
  • Smalto Essence Stampy Polish 02 – Stamp Me! Black
  • Essence Nail Art Stampy Set
  • Top Coat deBBY extraSHINE
  • Penna correggi smalto – Kiko
  • Gocce asciuga smalto – Pupa
  • Fast Remover – Essence

e questo il procedimento:

  1. Ho passato la base deBBY su tutte le unghie ed ho aspettato che si asciugasse.
  2. Ho steso 2 passate dello smalto Kiko giallo freesia su tutte le unghie, ed ho aspettato che si asciugasse.
  3. Su tutte le unghie, tranne l’anulare, ho steso una passata dello smalto Kiko giallo glitter, ed ho aspettato che si asciugasse.
  4. Ho realizzato il decoro sull’anulare usando lo smalto nero di Essence, e lo Stampy Set di Essence; ho scelto come disegno da “stampare”, quello evidenziato nella foto, che si trova sul plate che era incluso nel mio stampy set. Gli stampy set di Essence però hanno diversi plate al loro interno, quando lo comprate potete sceglierlo, c’è la foto del plate incluso di lato. Gli altri plate, li vendono sfusi e potete scegliere quelli che più vi piacciono 😉
  5. Con questi prodotti, e la tecnica dello stamping, ho riprodotto tre volte il disegno da me desiderato: in alto l’ho fatto per intero, in mezzo a metà, ed in basso solo un quarto. Per pulire il tampone mi sono servita della spugnetta del fast remover, anziché del dischetto di cotone. Per pulire il plate ho usato una penna correggi smalto dalla punta rovinata.
  6. Infine, dopo essere stata sicura che tutto fosse ben asciutto, ho passato il Top Coat di deBBY tu tutte le unghie.
  7. La penna correggi smalto, con una punta non rovinata, va usata solo se necessario, quando per errore si creano piccole sbavature di smalto, io preferisco passarla quando lo smalto è quasi asciutto perchè anche se è un pochino meno semplice rimuoverlo, la punta della penna si sporca decisamente meno ;)
  8. Stessa cosa per le gocce asciuga smalto, vanno usate tra una passata e l’altra di smalto, e/o alla fine della nail art, se si desidera velocizzare i tempi di attesa. Avendo fatto 3 passate su ogni dito, oltre la base ed il top coat, questa volta erano davvero necessarie 😉

Rimozione: per l’anulare non ci sono problemi di alcun tipo, è sufficiente il semplice solvente, per le altre dita, avendo a che fare coi glitter, consiglio il metodo della carta stagnola; anche se essendo uno smalto colorato con i glitter al suo interno, anziché glitter puri, non sono così tosti da togliere come può sembrare 😉

Infine vi lascio con la nail art che ha realizzato Bea, la mia collaboratrice (per leggere il tutorial, cliccate sulla foto):
Colore Del Mese Agosto 2014 Freesia

Per questo mese è tutto! Voi cosa ne pensate di questo colore, e di questa nail art?

Review My Nail Design – Uscita 9

Ehm ehm… mi scuso moltissimo per l’enorme ritardo di questo post, dato che il fascicolo che andrò a recensirvi oggi era in edicola a metà giugno… ma anche stavolta, ho deciso di scriverlo comunque perché so che si possono comprare gli arretrati!

Vi avevo già parlato di quest’opera in questo post, e vi avevo già recensito l’uscita numero 5.
Oggi vi parlerò dell’uscita 9, che ho comprato perché ero desiderosa di provare il soft stamping 😉

Questo è il numero in questione:

My Nail Design uscita 9

Questo numero contiene uno smalto marca Sabrina Azzi (che non contiene Toluene, Canfora, DBP e Formaldeide), in boccetta da 5ml ed un disco di soft stamping, dello stesso brand.
Gli articoli contenuti nel fascicolo sono i seguenti: una panoramica generale sugli strumenti base che permettono a tutte, anche alle principianti, di facilitarsi il lavoro per realizzare le nail art, una guida per utilizzare il soft stamping, 3 tutorial di nail art, delle ricette naturali per realizzare in casa diverse maschere di bellezza sfruttando le proprietà degli agrumi, e dei consigli per prevenire i funghi alle unghie dei piedi.

Ma parliamo nel dettaglio dei prodotti contenuti in questa uscita:

My Nail Design nona uscita smalto e disco soft stamping

  • Smalto Oro: è uno smalto dal finish mirror o specchiato, quindi lascia qualche striatura purtroppo, come tutti gli smalti con questo finish, ma non sono evidenti come altri in mio possesso. Il colore mi piace, è un oro chiaro.
  • Disco per Soft Stamping: è il primo disco di soft stamping che io abbia mai provato in assoluto, ma devo dire che mi ci sono trovata bene. I soggetti sono carini e portabili.
    In questa foto (per cui ringrazio Magnumina, che mi ha evitato di scattarla, facendomi risparmiare tempo 😀 ) potrete vederne il retro più nel dettaglio:

Disco Soft Stamping Sabrina Azzi uscita 9

Per una guida dettagliata su come usarlo, vi rimando alla mia GUIDA SULLO STAMPING. Prossimamente pubblicherò una nail art realizzata con questo disco, nei commenti troverete il link che vi rimanderà a lei 😉

In conclusione devo dire che sono soddisfatta di questo acquisto. Sinceramente non ho idea dei costi dei dischi di soft stamping, perché per ora non ne sono molto informata, ad ogni modo € 5,99 per il soft stamping ed uno smalto non mi sembrano una cifra eccessiva, soprattutto considerato che il soft stamping funziona bene. 😉

Voi cosa ne pensate? Qualcuna di voi l’ha acquistata, oppure ha intenzione di ordinarla? Fatemi sapere la vostra opinione! ;D

Smalti Pupa Special Effect – Black & White

Ed eccoci, prima della fine dell’estate (anche se a guardare fuori sembra proprio che sia già finita, per non dire, mai iniziata xD) a parlarvi dell’ultima collezione che Pupa ha fatto uscire appunto per questa estate 2014.
Come saprete il bianco e nero sono una tendenza di quest’anno, motivo per cui tra le sue nuove collezioni in edizione limitata Pupa ne ha dedicata una proprio a questi due colori! Vediamola insieme 😉
Pupa Black & White
Vengono definiti smalti dall’effetto 3D che giocano col contrasto tra bianco e nero, ma vediamoli un po’ più nel dettaglio 😉

Le referenze 001 e 002 riprendono l’effetto zuccherato 3D degli smalti SUGAR CANDY.
Le referenze 003 e 004 rielaborano l’effetto MOSAIC differenziandolo con diversi formati di paillettes.
Le referenze 005 e 006 ripropongono il finish sabbiato matt 3D degli smalti SANDY MATT.
Il maxi applicatore piatto big brush con 440 setole dal taglio arrotondato, garantisce un prelievo e un rilascio ottimale del colore per una stesura semplice e veloce in un solo gesto.

Iniziamo dai due smalti dall’effetto zuccherato 3D e dal finish superglossato:

001 Black Sugar Candy - Black & White Black & White 001 – Sugar Candy Black
Swatch 001 Black Sugar Candy - Black & White
002 White Sugar Candy - Black & White Black & White 002 – Sugar Candy Black
Swatch 002 White Sugar Candy - Black & White

Passiamo poi ai due smalti dall’effetto mosaico 3D e dal finish ultra brillante multicolore:

003 Black Mosaic - Black & White Black & White 003 – Mosaic Black
Swatch 003 Black Mosaic - Black & White
004 White Mosaic - Black & White Black & White 004 – Mosaic White
Swatch 004 White Mosaic - Black & White

e terminiamo con i due smalti dall’effetto sabbiamo matt 3D e dal colore pieno:

005 Sandy Matt Black - Black & White Black & White 005 – Sandy Matt Black
Swatch 005 Sandy Matt Black - Black & White
006 Sandy Matt White - Black & White Black & White 006 – Sandy Matt White
Swatch 006 Sandy Matt White - Black & Whiter

Ogni boccetta contiene 5 ml di prodotto per un costo di € 6,00.

Secondo me questa collezione non ha tanto senso… non sarebbe stato meglio fare uscire 4 collezioni da 8 smalti l’una, (aggiungendo quindi il bianco ed il nero anche per la collezione UNDERWATER), anzichè 5 collezioni da 6 smalti l’una, in cui una è composta dagli altri smalti in bianco e nero? Bah… Evidentemente avranno avuto i loro motivi pubblicitari, però a questo punto devo dire che il bianco ed il nero nella versione underwater ci mancano 😉

Ad ogni modo il mio preferito è il Black & White 001 – Sugar Candy Black, lo trovo molto elegante… magari con il fatto che è nero, il problema della coprenza è anche più limitato, ad ogni modo con questo colore è facilmente rimediabile mettendolo sopra ad una base nera 😉 . Anche il 3 ed il 4 devono essere carini, da mettere sopra gli altri smalti, per creare look luminosi.

E con questo è tutto. Voi cosa ne pensate di questa nuova linea? Avete già acquistato qualche prodotto? Fatemelo sapere! ;D

Review Correttore Erase Paste di Benefit: ATTENZIONE INCI PERICOLOSO!!!

In questi giorni sto studiando molto, avendo due esami importanti da dare a settembre, così l’altro giorno per evitare di impazzire sono uscita di casa e sono andata a farmi un giro. Complice il tempo decisamente assurdo per questo periodo dell’anno, ho deciso di fare un giro al centro commerciale, e sono entrata a curiosare da Sephora. Ovviamente non avevo addosso un filo di trucco, dato che non mi sembrava il caso di “sprecare” il mio poco tempo libero in questo modo (questa frase dovrebbe farvi riflettere su quando io sia disperata ahahaha xD), appena sono entrata da Sephora, la commessa, guardandomi mi ha chiesto se volevo essere truccata, mi avrebbe fatto provare un correttore dal risultato incredibile, sulle mie occhiaie. (Vi ricordate? Vi avevo già detto che questo purtroppo è un problema che mi affligge dalla nascita 😦 ) …chi di voi avrebbe detto di no?
Ovviamente tutta contenta ho accettato nella speranza finalmente di poter trovare il correttore dei miei sogni! ;D

Ha iniziato a dirmi che per le occhiaie è importante usare un correttore specifico per il contorno occhi, perché è una zona delicata, e per quelle del mio colore, serve assolutamente un arancione (tutte cose che già sapevo, grazie a Clio! Mi sono guardata ogni suo singolo tutorial sull’argomento! XD) … il vero problema è che è difficile trovare in commercio un valido correttore arancione, venduto singolarmente e non in palette multicolore, di una buona consistenza, e dal costo proporzionato.

Comunque mi ha truccata, ed il risultato devo dire che non era niente male, anche se, sinceramente con il correttore che uso adesso, riesco a fare meglio, perché è molto più arancione, peccato che sia un correttore di Collistar, in edizione limitata, che per ora si può acquistare solo unitamente a delle creme viso.

Comunque considerando che mi aveva messo solo il correttore, un po’ di blush, ed il mascara, il risultato era assolutamente valido! Così le ho chiesto più informazioni in merito a questo prodotto, e queste sono state le sue parole:

Correttore Benefit Erase Paste INCI pericoloso

<<… Correttore Erase Paste di Benefit, colorazione numero 03 – deep.

Prezzo: € 27,90 per 4,40 g di prodotto (stiamo parlando di un costo di circa 6340 € al Kg… ben 2000 euro in più del caviale!)

Specifico per il contorno occhi, l’unico che può fare qualcosa contro le tue occhiaie, perché a te serve un colore aranciato (per le mie occhiaie serve proprio l’arancione, non l’aranciato, sono troppo evidenti!)

…e poi è una marca molto attenta ai componenti, che anche se non ti interessa, dovendo mettere una cosa addosso, tutti i giorni, sul viso, è sempre bene fare molta attenzione …>>

Anche se non è proprio arancione, devo dire che cmq mi è piaciuto l’effetto, e ci ho fatto un pensierino… ma il prezzo era troppo elevato per me, per comprarlo così, di impulso, quindi mantenendo bene a mente tutte le informazioni che mi aveva fornito, ho preseguito la mia ora di svago, con gioia ed un viso non cadaverico 😉

Ho preseguito la mia giornata studiando, e prima di andare a dormire mi sono struccata con cura, come sempre.

…il mattino dopo, la mia pelle era molto più secca del normale, la sentivo tirare, mi è sembrato strano, ma non ci ho fatto caso più di tanto, non ho pensato minimanente a cosa potessere essere stato, quasi non mi sono neanche guardata allo specchio, non dovendo uscire, ma dovendo stare a studiare tutto il giorno, mi sono messa una tonnellata di crema idratante ed ho preseguito il mio studio, con tranquillità.

Il giorno dopo ancora, il mio contorno occhi era gonfio, violaceo, ed allo stesso tempo secco… la sera dovevo uscire e devo ammettere che guardandomi allo specchio mi sono preoccupata, inoltre mi bruciava e mi tirava. Ho notato poi 2 rughe per ogni occhio, che prima non c’erano mai state in vita loro… decisamente preoccupata mi sono messa una valangata di crema idratante, soprattutto sotto gli occhi, e poi ho proseguito la mia giornata, anche se devo ammettere che la pelle mi dava molto fastidio, così ho iniziato a pensare che cosa potesse essere stato… e mi è venuto in mente il correttore, data la zona interessata… non ho avuto molto tempo per pensare, cmq non mi sono truccata per non peggiorare la situazione.

Il terzo giorno era leggermente migliorato, ma mi faceva ancora male… così come prima cosa sono andata a cercare in rete l’INCI di questo prodotto, e sul forum Sai Cosa ti Spalmi sono venuta a conoscenza di un’inquietante informazione:
Inci Correttore Benefit Erase Paste NOCIVO

…La commessa di Sephora, mi aveva detto, testuali parole:

poi è una marca molto attenta ai componenti, che anche se non ti interessa, dovendo mettere una cosa addosso, tutti i giorni, sul viso, è sempre bene fare molta attenzione

Sono veramente rimasta sconcertata da questo fatto!!! Ho chiamato il mio medico, che però purtroppo era in vacanza, così sono andata in farmacia, ho raccontato i fatti e vi dico cosa ho scoperto: LANOLIN è una sostanza che spesso provoca reazioni allergiche, e quando è presente nei cosmetici, dovrebbe essere indicato sulla confezione. Inoltre il PROPYLPARABEN è un parabene… vi cito da Wikipedia:

Stanno diventando sempre più controversi, arrivando ad essere regolamentati o espressamente interdetti, ad esempio in Francia, comunque nel ruolo di interferenti endocrini per la loro capacità di mimare chimicamente gli estrogeni con possibile ricaduta in effetti sulla salute: da eventuali promozioni nell’insorgenza di tumori estrogeno-sensibili a fattore di rischio nella crescente prevalenza di pubertà precoce nelle ragazze.

Ad ogni modo la farmacista mi ha spiegato che anche i parabeni causano allergie, e si possono manifestare sintomi come eritemi, rosacea, e dermatiti da contatto. Ha detto che c’è una guerra aperta contro di loro, e le case cosmetiche lo sanno, quindi si stanno adeguando, ad ogni modo è molto importante informarsi bene in merito, soprattutto per i soggetti allergici, come nel mio caso.

Ora… io so che moltissime ragazze lo usano, lo amano e non hanno riscontrato nessun problema nel suo utilizzo. Io non sono vegana, e non sono particolarmente fissata con gli INCI… è vero, ho una pelle delicata, ma le dermatiti che mi prendono a volte, sono causate dagli acari della polvere, ai quali sono gravemente allergica e mi vengono solo nella giunture, al massimo sotto il collo, ma mai sul viso…. però questa volta sono davvero furiosa! Non solo è un prodotto con un’INCI pessimo, non solo, nonostante questo, lo fanno pagare una cifra improponibile, ma per di più lo spacciano anche come un prodotto da un’INCI salutare??? Vorrei sputargli in faccia.

Personalmente non ce l’ho con la commessa… lei sicuramente ha solo fatto il suo lavoro, ed ha detto quello che le hanno detto di dire, non credo che fosse a conoscenza della verità… però io sono sconvolta!!! Sono felice che mi sia capitato con questo prodotto, per caso, e di aver scoperto una nuova cosa a cui stare attenta, soprattutto sono felice di non averlo acquistato, però avrei preferito saperlo senza soffrirci prima!

Ho deciso di scrivere un post in merito, perchè spero vivamente che a voi non capiti ciò che è successo a me! Se siete comunque interessate a questo costoso prodotto, mi raccomando, prima di comprarlo andate a testarlo sulla vostra pelle, non sul viso, e vedete che cosa succede.

Se invece siete capitate qui, perchè anche a voi è successo qualcosa di simile… beh, innanzi tutto, sappiate che vi capisco, è un fastidio non indifferente!!! Ma torniamo a noi! Cosa mi avrà mai detto la farmacista, oltre a queste cose?

Innanzi tutto ha constatato che il mio viso era gonfio e che probabilmente avevo una dermatite, mi ha detto che il contorno occhi è una zona davvero delicata, e quindi è meglio evitare di usare farmaci che potrebbero rivelarsi aggressivi. Mi ha consigliato quindi un parafarmaco, questo:
Avène Contorno Occhi Trattamento Lenitivo

Come potete vedere dalla foto il prezzo è di € 14,90 per 10 ml di prodotto… FUNZIONA ALLA MERAVIGLIA!!! L’ho applicato subito dopo averlo comprato, ed ha smesso di bruciare e di tirare. Poi mi è stato raccomandato di metterlo mattina e sera, sono passati 2 giorni, e la mia pelle è quasi totalmente guarita, la sento ancora un pochino ruvida, ma non è nulla rispetto al bruciore, alla secchezza, al gonfiore ed al fastidio che avevo prima!

Inoltre mi ha detto che comuque è bene mettere sempre e solo prodotti specifici per il contorno occhi, nel contorno occhi, perché essendo una zona così delicata, anche le creme idratanti potrebbero essere aggressive. Nel mio caso le creme idratanti fortunatamente mi hanno portato solo sollievo, però consiglio a tutte di andare subito in farmacia se vi succedesse una cosa di questo genere, e di non tentare rimedi “fai da te” pensando che non sia nulla di importante, a differenza di ciò che ho fatto io.

Vi raccomando di informarvi sempre su queste sostenze, o per lo meno di verificare la vostra allergia ad esse 😉

Comunque sul sito della Benefit, nell’INCI del prodotto c’è scritto che loro raccomandano di leggere bene gli ingredienti per essere sicuri che siano adatti al nostro uso personale, quindi significa che sicuramente sanno di essere un po’ nel torto… io mi chiedo quindi, perché Sephora dice questo ai suoi dipendenti??? E’ decisamente molto preoccupante. E’ la seconda volta che Sephora mi delude da questo punto di vista, ma siccome non è una cosa così eclatante ve ne parlerò quando avrò tempo, per ora ci tenevo ad informarvi, perché davvero, spero che a nessuna di voi capiti quello che è successo a me.

Fatemi sapere se avete vissuto esperienze simili, anche se spero vivamente che non sia così, o se avete provato i prodotti di Benefit! 😉

Lo STAMPING per Nail Art

A 4 mesi di distanza, finalmente trovo il tempo per scrivere il secondo articolo di questa rubrica! Ovvero quella dedicata ai vari metodi, tecniche ed accessori di decorazioni per unghie! 😉

Il primo, per chi se lo fosse perso, o lo avesse totalmente rimosso, era quello sul FIMO. Sono felice di scrivere questo post, perchè finalmente potrò rispondere alle richieste di Magnumina, Elebonfy ed UnghieSmaltate98 😉 (scusate per il ritardo ragazze!!!)

Lo stamping è un tipo di decorazione rapido e dell’effetto, adatto soprattutto a chi adora i disegni sulle unghie, ma non ha dimestichezza con i pennelli.

Esistono tre tipologie di stamping: quello tradizionale, quello automatico (o autostamping) ed il soft stamping.

Questo è tutto il materiale di cui io dispongo in merito:
Stamping per nail art

Come potete notare, non ho la macchinetta per l’autostamping, e sinceramente neanche la voglio! XD
Si tratta di una macchinetta che rende automatico il processo di stamping classico, i vantaggi sono che con dei plate specifici si può comporre un disegno in vari colori e che anche chi ha pochissima manualità riesce ad autilizzarlo, gli svantaggi sono che il tampone non ruota quando trasferisce il disegno, quindi c’è più probabilità che venga impreciso, i dischi compatibili sono solo quelli di forma esagonale, non c’è modo di stampare il disegno centrale, e soprattutto non si può scegliere il punto in cui il disegno verrà stampato. Per questo motivo l’autostamping non fa decisamente per me.

Ma adesso parliamo dello stamping vero e proprio, quello tradizionale!

Iniziamo dalla teoria che c’è dietro: si tratta di usare un timbro, incassato anziché in rilievo, quindi una sorta di stampo, in cui deporre il nostro smalto liquido, perché possa prendere la forma del disegno che desideriamo comporre, trasferire quindi questo disegno realizzato con lo smalto su un tampone, che a sua volta lo trasferirà sulla nostra unghia.
A mio avviso la teoria è sempre la parte più difficile, con la pratica va sempre molto meglio! XD

Dunque, di cosa abbiamo bisogno per realizzare tutto questo? Ovviamente ci servirà un timbro, (il termine stamping è preso dall’inglese, e significa stampigilatura, ovvero l’applicazione di un timbro), che noi viene chiamato appunto “timbro”, “tampone” oppure, rubandolo alla lingua inglese, “stamp“.
Io ne ho 3 e sono tutti uguali a livello qualitativo, è difficile che la gommina di cui sono composti non funzioni (anche se in realtà uno aveva un difetto di fabbrica con un bozzo sopra, quello a sinistra nella foto, quindi in quella zona in cui ho rimosso il bozzo non è che funzioni granché, perchè la sua qualità principale deve essere l’uniformità, e deve essere liscio), però mi piacerebbe molto avere quello a due dimensioni, che è questo qua, della Konad:
Timbro Stamp Konad 2 dimensioni

Perché a volte il disegno per intero non ci sta su quello tradizionale e sarebbe bello avere un tibro più grande, altre volte per errore si prendono dei pezzi anche del disegno di fianco e sarebbe comodo avere un timbro più piccolo. Insomma, sicuramente è nella mia whislist! XD

L’altra cosa fondamentale di cui dobbiamo disporre è il plate, ovvero il disco su cui sono incisi i nostri disegni. Io ne ho 5: 2 di Essence, 2 di FengShangMei ed uno di marca ignota, trovato nel numero 5 di My Nail Design. I Plate di Essence funzionano, ed anche quello di MyNailDesign. Quelli di FengShangMei, si possono prendere e buttare, funzionano malissimo e si deve fare una fatica inaudita per ottere qualcosa. Per fortuna li avevo pagati solo 1 euro l’uno. Peccato perché ero stata tanto tempo a scegliere i disegni, e mi piacevano molto 😦 Ora ve li mostro tutti bene, così saprete riconoscerli e saprete che quelli non dovete comprarli mai!

stamping plate, dischi per stamping, soggetti plate Essence e non

Il “plate” (dall’inglese, “piastra”), o”disco”, è davvero la cosa fondamentale, se non è di ottima qualità, è praticamente inutile. Grazie a questo strumento, potrete decidere che cosa “stampare” sulle vostre unghie! 😉 Ricordate che quando vi vendono i plate, hanno sopra una pellicola adesiva quasi trasparente, per fare in modo che non si rovinino; ricordate di toglierla al primo utilizzo, altrimenti non riuscirete ad usarli! 😉 La marca più buona in assoluto per lo stamping, so essere la Konad, io però non ho mai avuto la fortuna di provarla, ma prima o poi me la procurerò 😉 In alternativa vi consiglio Essence. Riguardo alle altre marche in commercio va a fortuna… quello trovato nella rivista, c’è scritto che è made in China, ma non c’è scritta la marca, tuttavia è accettabile; quelli di FengShangMei, sempre made in China invece sono inutili (gli altri prodotti della stessa marca di accessori per nail art, generalmente sono di buona qualità, o per lo  meno accettabile)… quindi vedete voi, se ve la sentite di andare a tentativi fatelo, ma sappiate che potrete trovare brutte sorprese! XD Ad ogni modo qualcuna di voi conosce altre marche valide di plate per nail stamping? Fatemelo sapere! ;D

Infine, l’ultima cosa fondamentale per lo stamping è lo scraper (dall’inglese raschietto): non sottovalutatelo!!! Se non funziona bene, rischia di non far funzionare neanche un buon plate! Io ne ho 3, due con la “lama” metallica, ed uno con quella di plastica. Bene, quello interamente di plastica si può buttare, è inutile, o meglio: se il plate è fatto bene, funzionerà comunque, magari un po’ a fatica, ma se è un po’ scarso, non riuscirete a “stampare” nulla purtroppo! Un buono scraper quindi deve essere rigido (motivo per cui è consigliabile in metallo) ma allo stesso tempo non deve essere troppo “affilato” altrimenti vi graffierà moltissimo il plate, diminuendo la sua durata.
Io ne ho 3, quello di Essence funziona molto bene, anche se a mio avviso graffia un po’ troppo i plate, quello di My Nail Design funziona bene, e non graffia in maniera eccessiva, e l’altro… beh… lasciamo perdere! XD (non so esattamente da dove venga, mi era stato regalato e la confezione era una busta di plastica trasparente.

Benissimo, ora che vi ho illustrato gli accessori fondamentali di questa tecnica, passiamo a quelli “facoltativi”, ovvero gli smalti! In che senso facoltativi, vi starete chiedendo? E’ semplice, in commercio vedono smalti fatti apposta per lo stamping. Sono più densi degli smalti normali e molto più pigmentati; effettivamente funzionano meglio, ma se state usando un kit di stamping di buona qualità, quasiasi sia lo smalto che usiate, andrà benissimo! 😉
Ad ogni modo io ho entrambi i colori della linea di smalti per lo stamping di Essence, la linea si chiama “Stampy Polish” ed i colori disponibili sono solo due: “01 Stamp Me! White” e “02 Stamp Me! Black”. Generalmente uso questi smalti, ma ho provato ad usarne anche altri, e funzionano bene ugualmente 😉

Adesso che abbiamo visto approfonditamente tutto l’occorrente, passiamo finalmente al procedimento!

Ho pensato a tanti modi per descriverlo… ma sicuramente in questo caso le parole non sarebbero mai abbastanza, quindi vi lascio al video di Nail Lab (se notate Mikeligna sta usando i prodotti Konad) e poi vi dirò i miei “segreti” XD

Il procedimento iniziale, se si deve fare un solo stamping è sicuramente questo, ma se dobbiamo farne più di uno (in genere se ne fanno almeno 2, anche se si vuole fare un’accent, abbiamo due mani) è necessario prendere un dischetto di cotone, imbevuto di acetone e metterlo sul foglio di carta, ben aperto in orizzontale. Servirà per pulire eventuali residui di smalto dal tampone. Tra l’altro, ogni volta che si eseguono questi passaggi, prima di trasferire il disegno sull’unghia, bisogna sempre assicurarsi che tutto il disegno si sia trasferito sul tibro! Se così non fosse, il tampone va assolutamente pulito, e questa cosa si può fare appunto con il dischetto ben aperto sul tavolo. Mi raccomando, non dovete mai toccare il solvente finché non avete finito di utilizzarlo, altrimenti combinerete sicuramente irrimediabili disastri, andando inavvertitamente a rovinare qualche altra unghia che prima era perfetta xD
Per questo motivo, un’altro vostro fedele alleato, sarà un cotton fioc imbevuto di solvente, ma solo da un lato! Lui vi servirà per pulire il plater dai residui di smalto, tra un dito ed un altro. E’ importate che i materiali siano ben puliti ogni volta, altrimenti rischiate di fare danni 😉

Un altra cosa importante è pensare bene dove posizionare il decoro! Non mettetelo in un punto a caso della vostra unghia, mi raccomando, deve essere in una zona ben studiata, altrimenti l’effetto non sarà molto carino! 😉 Ed ho una foto che può dimostrarvelo! XD

Stamping Essence Fail posizione

Questo è stato il mio primo tentativo, ed ero così emozionata dal fatto di esserci riuscita (dato che mi ero documentata parecchio, e a quando pareva la cosa difficile era riuscire a far rimanere il disegno sul tampone) che non capivo più niente! Inoltre avevo letto anche che bisognava essere molto veloci, se non non si sarebbe trasferito (cosa che è parzialmente vera, nel secnso che bisogna essere abbastanza veloci, ma non c’è bisogno di essere Speedy Gonzales)  e così in preda all’ansia, ho posizionato i decori totalmente a caso! Oguno in un posto diverso e proprio sul pollice su cui avevo tanto spazio ho preso malissimo le misure! XD Sull’anulare poi, non sono riuscita a prendere il disegno per intero (di sicuro con il tampone più grosso sarebbe stato più facile, per questo voglio l’altro xD)
Quindi mi raccomando, ricordavi bene:

  • Don’t Panic!
  • Pensarete bene a dove va posizionato il decoro prima di farlo
  • Siate veloci ma non talmente tanto da non capire più che cosa state facendo
  • Se notate che sul tampone non è rimasto sutto il disegno (come nel caso del mio indice) pulitelo, senza stamparvi nulla sulle dita, e ripete il procedimento
  • Fate attenzione a non mettere niente di importante sulla pelle, altrimenti come nel caso di mignolo e pollice il disegno verrà tagliato
  • Correggere con la penna correggi smalto e tanta cura i punti in cui lo stamping rimane, ma sotto non c’è lo smalto (cosa che io sulla base dell’anulare non avevo fatto)

Un’altra cosa molto importante a cui dovete prestare attenzione è il top coat… potrete fare dei veri danni, se non aspettate che i vostri decori siano abbastanza asciutti!!! Ahimé, purtroppo anche io ho commesso questo errore, alla seconda applicazione!
Stamping Essence Fail top coat su smalto non asciutto

Come potete notare, tutto il lavoro del mio stamping, che era decente, è andato vanificato a causa del top coat… 😦 So che comunque non era venuto perfetto su tutte le unghie, però va beh, come seconda volta non era male… anche perchè ero riuscita a prendere il disegno per intero quasi in tutte… (ribadisco… col tampne più grosso, è più semplice! XD) peccato per tutte le striature che si sono fatte dopo… vi assicuro che avevo aspettato un bel po’ di tempo, ma evidentemente non era sufficiente… quindi mi raccomando, fate attenzione, ed aspettate il tempo giusto, non abbiate fretta!!!

Infine, ultima regola, ma importantissima, quando passate il tampone sull’unghia, non dovete premere ed alzare, ma dovete premere e ruotare il tampone da sinistra verso destra, oppure dall’alto verso il basso, in modo da non fare nessuno stacco netto, altrimenti vi succederà quello che è successo sul mio pollice e sul mio anulare: vedete il “filo” in basso? Quello a spirale? Se notate non è tondo, come invece lo è su indice e medio, il motivo è proprio quello, non avendo a”accompagnato” il tampone, ma avendolo alzato direttamente, lo smalto non si è attaccato bene, ha subito un “trauma” ed il disegno si è deformato anziché venire nella maniera corretta (è lo stesso problema che potete riscontrare se usate la macchinetta automatica per lo stamping).

Benissimo, dopo avervi illustrato il procedimento, avervi rivelato i miei segreti, ed avervi mostrato (non senza vergogna) le cose che non dovete fare quando usato lo stamping, posso dire di avervi detto tutto! ;D

Adesso non vi rimane che attrezzarvi di strumenti di buona qualità, e sperimentare! ;D

Per concludere questo articolo, non mi resta che illustarvi l’ultimo metodo di stamping, il soft stamping! E’ il più moderno dei tre, ed un po’ meno conosciuto.
Questa tecnica ci vuole semplificare ulteriormente il processo di stamping, ed allo stesso modo ci vuole permettere di poterlo realizzare con più colori.
Il timbro ed il plate diventano un’unico strumento, e lo scraper non ci serve più, viene sostiuito da un banale foglio di carta. I vantaggi a mio avviso sono molti, è più comodo e rapido, richiede molto meno utilizzo di acetone, e con un po’ di pratica si possono fare stamping multicolore 😉 Gli svantaggi sono due: il primo è che non è possibile controllare che il disegno si completo o meno, prima di stamparselo sull’unghia (allo stesso modo però è meno probabile che non sia completo), il secondo è che se non si attenzione c’è il rischio di deformare il disegno, dato che il plate è morbido, quindi se si “allarga troppo” a causa della nostra inesperienza incorriamo in questo inconveniente.

L’occorrente quindi è semplicemente il disco di soft stamping, e riguardo agli smalti vale lo stesso discorso che vi ho fatto prima 😉 L’importante è che siano ben pigmentanti, mi raccomando! Gli smalti effetto mirror sono particolarmente indicati per tutti i tipi di stamping, a mio avviso 😉

Purtroppo io possiedo un solo disco di soft stamping (dovrò sicuramente procurarmene altri! XD) l’ho trovato nel numero 9 di My Nail Design, ed è di marca Sabrina Azzi. Possi dirvi che funziona, ma non so se in commercio ne esistono altri di migliori, o di peggiori, avendo provato solo questo.

Ma come si usa il soft stamping? Fortunatamente Google Immagini è venuto in mio aiuto, risparmiandomi la fatica di fare le foto! (E’ una foto presa dal web alla quale ho aggiunto solo i numeri):

Soft Stamping How to Do

  1. Prendiamo il nostro disco di soft stamping e scegliamo il disegno che più ci ispira. La ragazza del tutorial, ha usato la rosa.
  2. Passiamo lo smalto del colore che desideriamo sul nostro disegno, le ha usato solo il blu. Avrebbe però potuto, magari aiutandosi con un pennellino, usare il rosso per la rosa, ed il blu per le foglie (cosa che tra l’altro deve aver fatto in un secondo momento, perché se notate sul pollice ha il disegno con due colori). Quando usate due colori diversi (o tre, o quanti desiderate, generalmente sul retro è indicata la colorazione che i produttori avevano pensato) assicuratevi che le parti di colori diversi, siano staccate tra loro. Se notate infatti, ad esempio la rosa, ha le foglie, che loro suggeriscono di fare verdi, staccate dal resto del disegno. Questa cosa è importante, perché se mettete due colori diversi nella stessa scanalatura, finiranno per unirsi. Per lo stesso motivo, se usate due colori, cercate di mettere poco smalto, e fatelo con un pennellino per nail art, in modo da essere il più precisi possibile, altrimenti nel passaggio 3, richierete di unire i colori, ed il risultato non sarà il massimo.
  3. Adesso dobbiamo togliere il colroe in eccesso! Con lo stamping classico si usa lo scraper, qui invece è sufficiente trascinare il disco su un foglio, in modo da rimuovere tutto l’eccesso di prodotto. Fate attenzione, dove trascinare il disco, NON tamponarlo, come dicono alcuni, altrimenti non riuscirete a togliere tutto il colore in eccesso.
  4. Ora non vi resta che assicurarvi che il colore sia presente sul disco, solo nella parte del disegno che vi interessa. Se così non fosse, rimuovete i residui con un cotton-fioc imbevuto di solvente, oppure grattateli via con un bastoncino per nail art, o uno stuzzicadenti (io consiglio il bastoncino per nail art, è più preciso, e non rischia di fare danni inavvertitamente).

Adesso non vi resta che trasferire il disegno sulla vostra unghia, premendo il tampone, e ruotandolo per fare aderire bene il disegno, sulla vostra unghia, ed il gioco è fatto! Fate attenzione a non deformare troppo il tampone mentre lo passare sull’unghia, altrimenti il disegno potrebbe venire impreciso.

Dopo aver trasferito il disegno sulla vostra unghia, con il cotton-fioc imbevuto di solvente, eliminate gli eventuali resuidi di smalto, prima di passare ad un nuovo dito: questo passaggio è importante, altrimenti lo smalto non aderirà più bene allo stampo, come la prima volta.

Mi raccomando, attenzione col top coat, o incapperete nello stesso problema che si aveva con il metodo precedente! 😉

Personalmente con il soft stamping mi trovo meglio, perché ho più possibilità di personalizzazione e devo usare pochissimo solvente, in questo modo non rischio di fare danni alle altre unghie… (che sclero quando accade!!! XD)

Ad ogni modo questi procedimenti sono relativamente semplici, ed il risultato finale è molto d’effetto 😀 La cosa importante è utilizzare dei nuovi prodotti, altrimenti si rischia di sclerare invano! XD

Ricordatevi, gli smalti che usate devono essere molto pigmentanti, altrimenti il risultato non sarà dei migliori. Inoltre la base delle unghie, deve essere sempre più chiara rispetto al colore del disegno, se no non si vedrà bene (a meno che non usiate lo smalto bianco apposta per lo stamping, ovviamente XD)

E con questo è davvero tutto! Come potete notare in questo post non vi ho fatto vedere esempi riusciti di nail art usando gli stamping, mi sembrava che fosse già abbastanza lungo! Ad ogni modo ho già due nail art pronte per voi, nel procedimento della quali vi rimanderò qui, quindi nei commenti potrete trovare il link delle nail art in cui ho usato lo stamping ;D

Spero di essere stata esaustiva, di aver esaudito le vostre richieste, e che questo post sia stato di vostro gradimento. ;D

PS Come promesso a Bea, uno dei prossimi argomenti sarà il foil, ma se avete altre richieste per altri appronfondimenti su decorazioni per unghie o altro, non esitate a chiedere! Sarò felice di scrivere per voi nuovi articoli di questa rubrica ;D (infatti ho scritto prima quello dello stamping perché eravamo a 3 richieste Vs 1 XD)

Review Kiko Daring Game

In questi giorni Kiko ha fatto uscire la sua nuova collezione autunnale, come sempre in edizione limitata: Darring Game!

L’avvincente gioco della seduzione ha inizio. Ambienti lussuosi e sofisticati riflettono lo stile di chi ha il coraggio di scommettere sulla propria bellezza: una regina di cuori dal look elegante e sicuro di sé. I colori, vivi e corposi, sono la carta vincente per un make up deciso.

Kiko Daring Game

Questa collezione comprende 2 palette duo terra e illuminante (€ 15,90), 3 palette fard in polvere due tonalità, finish mat e perlato (€ 14,90), 3 palette con quattro tonalità di ombretti (€ 14,90), un “pennarello” a doppia punta con da un lato un eyeliner nero ed dall’altro un kajal conico a lunga tenuta (€ 9,90), 6 matite contorno occhi (€ 6,90), 10 matite ombretto a lunga tenuta (€ 7,90), 6 rossetti demi mat (€ 7,90), 6 matite labbra (€ 5,90) 6 smalti effetto gel (€ 6,90), un pennello per polveri viso (€ 15,90) ed un siero viso perfezionatore globale (€13,90).

ADORO questi packaging!!! Sono stupendi!!! In modo particolare poi, io adoro i giochi di carte e di dadi! Non sono certo una persona da Casinò, però le carte sono da sempre la mia passione ed i packeging della palette e degli smalti sono fantastici!!! ;D

Giudicate voi stessi:

Palette Kiko Daring Game

<<Mancano i fiori?>> Vi starete chiedendo? Invece no, perché quella con la terra e l’illuminante ha le picche per una colorazione, ed i fiori per l’altra 😉 (lo potete vedere meglio nella foto sopra di gruppo, le prime due pallette 😉 )

Ma approfondiamo sugli smalti ;D

Si chiamano POKER, e finalmente anche Kiko ci propone la sua linea di smalti effetto gel 😀 Anche se a dirla tutta non credo ne avesse particolarmente bisogno, dato che i suoi smalti sono sempre lucidissimi. A livello di coprenza invece è un’altra storia… come sempre quelli effetto gel lo sono di più degli altri, ed anche questa volta non si smentiscono 😉
Inoltre in via eccezionale, per essere in tema con tutta questa collezione, ha cambiato il packaging, o meglio, solo il tappo! Sono quindi dotati di un “copritappo” con la faccia di un dado, ad ogni colore corrisponde un numero, togliendolo potremo trovarci di fronte al tappo vero e proprio …l’effetto finale è bellissimo! Il pennello è il solito.
La boccetta è da 11 ml, ed il costo di € 6,90.

I colori sono i seguenti:
Kiko Poker

  • 01 – Prestigious taupe
  • 02 – Irresistible orchid
  • 03 – Suggestive red
  • 04 – Intuition wine
  • 05 – Exclusive blue
  • 06 – Slick bluenoir

Ecco il mio solito swatch su scotch:

Swatch Kiko Poker

Lo so, non rende molto ma vi assicuro che la coprenza è fantastica e l’effetto gel si nota moltissimo! ;D

Prestigious taupe ed Intuition wine sono i miei preferiti, ma solo perché Irresistible orchid è quasi identico al 313 della linea tradizionale, che è quindi già in mio possesso. Lo stesso vale per il blu, ed il nero. Il rosso..sembra il solito, banale rosso… ma non è così! E’ davvero splendido, ha qualche tono di rosa, non è un rosso classico 😉

Il prezzo devo dire che è un po’ altino per gli standard Kiko… del resto anche tutte gli altri brand vendono gli effetto gel ad un prezzo più elevato della linea classica… boh… evidentemente costerà di più produrli… o forse è il packaging così esclusivo che ne aumenta il costo, non saprei…

Ad ogni modo, io come al solito aspetterò i saldi… sarà una lunga attesa! ;D

Voi cosa ne pensate di questa collezione? Avete già acquistato qualcosa? Fatemelo sapere! ;D

Review Prêt à Porter Nail Sticker 05 – Deborah Milano

Oggi voglio parlarvi di questo prodotto:

Prêt à Porter Nail Sticker 05 - Deborah Milano

L’ho comprato a marzo da acqua e sapone, assieme ad altri due, con altre fantasie, erano scontati ad € 1,50, così ho voluto provare. Non so quale sia il loro costo originale.

Devo ammettere che nella mia vita non ho mai provato dei nail patch, e sinceramente non credo che questi lo siano, si limitano ad essere semplicemente nail sticker, come in effetti è scritto sulla confezione.

Nella confezione potete trovare 20 adesivi, di 10 misure diverse, ovviamente a coppie di due, in modo che si possano adattare a tutti i tipi di unghie, dalle più piccole, alle più grandi. Le istruzioni dicono di applicare lo stickers sull’unghia, limare l’eccesso e proteggere con il top coat.

Partiamo dalla fantasia… Sicuramente questa non la più adatta per dei nail patch (scusate se li chiamo così, ma è quello che dovrebbero essere XD), ma siccome era così particolare, ho voluto provarla.

Ad ogni modo, questo genere di fantasia ve la sconsiglio particolarmente. Come potete vedere dalla foto, sono molto diverse le unghie le une dalle altre, e di per sé non è una cosa brutta, però in questo caso non è adatta, in alcune unghie si ha prarticamente una decorazione “vuota”, e non ha tanto senso… inoltre questo tipo di decoro è adatto a chi ha le unghie particolarmente lunghe, molto lunghe direi… su unghie di normale lunghezza purtroppo non sta bene, figuariamoci su quelle corte.

Inoltre sconsiglio di limare l’eccesso, è meglio tagliarlo quasi a filo, e poi limare quel poco che rimane…. il problema è che non si riesce a limare molto bene l’eccesso, perché è troppo “platicoso”, non è un materiale molto adatto alla limatura. Inoltre quando si sceglie la grandezza dell’unghia bisogna stare attenti, perché va considerata anche la curvatura, infatti alcuni li ho applicati della dimensione errata, e risultano più piccoli della mia unghia purtroppo… L’importante però è non usare mai uno stickers più grande dell’unghia (ho fatto anche questo errore), perché altrimenti non si applicherà bene, finirà tutto sulla pelle. Insomma, scegliere la dimensione più adatta ad ogni tipo di unghia, non è facile come può sembrare, bisogna fare qualche prova purtroppo.

Ma veniamo all’applicazione vera e propria: dovete fare molta attenzione quando posizionate l’adesivo perché se lo sollevate dopo per spostarelo, perché magari era storto, rischiate di rovinarlo. Inoltre è davvero difficile fare in modo che non vengano delle bolle d’aria, anche se lo applicate con la massima cura. Mi raccomando, no mettete nessun tipo di smalto sotto, altrimenti sarà più probabile che non aderisca bene all’unghia.

Ora vi mostro il mio risultato, per la nail art che avevo in mente ho deciso di stendere lo smalto nero sui pollici, ed i nail sticker sulle altre unghie… questa foto è un po’ “tattica” XD ho deciso di fare vedere solo le unghie che sono venute meglio, per non influenzare negativamente la vostra opinione, solo perché su alcune sono stata un po’ incapace io:

Swatch Prêt à Porter Nail Sticker 05 - Deborah Milano

Cosa ne penso io di questo prodotto?

Allora, innanzi tutto credo che lo scopo principale di un prodotto simile, sia di riuscire ad avere le unghie in ordine e ben decorate in poco tempo, questa cosa sicuramente non si riuscirà a verificare alla prima applicazione, perché bisogna fare un pochino di pratica, soprattutto per trovare la dimensione perfetta per le nostre unghie, tra quella proposte. Il problema è che non è un tipo di prodotto che si può provare, e se va male si toglie e si rimette, perché è usa e getta. Quindi a mio avviso questo è un punto a suo sfavore.

Secondariamente trovo che il materiale con cui sono realizzate non sia molto adatto… sono davvero difficili da limare, senza rovinare il disegno sulla punta, e se non sono limate bene, sono veramente scomode e fastidiose, soprattutto se ci capita di grattarci, o se si ha a che fare con le calze.

La lunghezza è abbastanza esagerata per delle unghie naturali, ma allo stesso tempo è insufficiente per chi ha le unghie corte: per farle durare di più sarebbe bello poterle dividere in due, e fare due mani solo con 5 adesivi, ma siccome sono sono abbastanza lunghi, sono si riesce… io sono riuscita in questo proposito solo con i mignoli. Specare tutto il pezzo di stiker che avanza è proprio un peccato, e con questa fantasia, spesso nell’avanzo c’è quasi solo il bianco, quindi è difficile pensare di riutilizzarlo anche per qualche nail art futura.

Le bolle d’aria sono proprio brutte, può essere che essendo la prima volta che ho a che fare con questo prodotto sia stata una mia mancanza di esperienza, e quindi proverò ancora per farmi un’idea più precisa però comunque se lo scopo è la velocità, devo dire che sicuramente al primo utilizzo è palesemente fallito!

Riguardo alla durata, a me sono durate 4 giorni, ma perché poi non le sopportavo più, ed ho deciso di toglierle! XD Se no sarebbero durate più a lungo, anche se non essendo limate bene si sollevavano un po’ davanti… secondo me è meglio tagliarle a filo dell’unghia, anziché limarle.

Per la rimozione invece è rapidissima, basta sollevare l’adesivo, e rimuoverlo… il classico medoto peel-off… però rimane la colla sulle dita, che va lavata via con abbondate acqua calda. Io avevo messo la base, per sicurezza su tutte le unghie, nonostante questo alcuni punti si sono un po’ rovinati… (niente di grave, soprattutto per chi come me ha sempre lo smalto che nasconde qualsiasi tipo di imperfezione), ma credo che la colla non faccia molto bene.

Ad ogni modo è un prodotto che per ora mi sento di bocciare, nonostante il prezzo molto scontato a cui l’ho acquistato.

Spero che sia una mia mancanza di esperienza, e per questo la prima applicazione sia stata così deludente. Siccome ho comprato altre due fantasie, sicuramente vi farò sapere cosa ne penso in futuro! 😉 Sicuramente però questa fantasia è super bocciata!!!

Voi avete provato questo prodotto? Come vi ci siete trovati? Ne avete provati altri di altre marche, magari più affidabili? Fatemi sapere! ;D