Archivio tag | base

Review Base Coat deBBY nailTHERAPY

Ciao ragazze!!!

Oggi vi parlo di questo Base Coat di deBBY:
Base Coat deBBY Nail Therapy

L’ho acquistato da Acqua & Sapone un po’ di tempo fa, non ricordo precisamente il suo prezzo, ma c’erano delle offerte, quindi con pochi euro l’ho portato a casa con me 😉

La boccetta contiene 7,5 ml di prodotto ed ha un PAO a 24 mesi. Ovviamente non contiene nessun ingrediente nocivo nel suo INCI, ma in più ha il calcio, per rinforzarle. E’ quindi un base coat ma anche un trattamento. Questa è la definizione dell’azienda:

Smalto Levigante, Protettivo e Rinforzante:
Crea una base omogenea per l’applicazione dello smalto; protegge dall’ingiallimento dell’unghia; rende l’unghia più forte e resistente.
Utilizzabile anche come top coat.

Diciamo che promette un po’ troppo per quello che è in realtà! Io lo trovo molto simile allo smalto di Kiko 102 – 3 in 1 White, infatti anche questo è un trattamento 3 in 1 e promette più o meno le stesse cose.

Effetto levigante: cosa? No, non ci siamo proprio, sicuramente non è uno smalto filler.

Protettivo e Rinforzante: Su questo invece sono molto più d’accordo, anche perché ha anche il calcio al suo interno, quindi come base coat trattamento rinforzante mi sono trovata bene (anche se ci sono trattamenti più strong in commercio ovviamente), anche perché l’asciugatura è molto rapida, inoltre pennello e formula mi piacciono proprio 🙂

Crea una base omogenea per l’applicazione dello smalto: verissimo!

Protegge dall’ingiallimento dell’unghia: qui bisogna stare attenti! Sì, protegge dall’ingiallimento dell’unghia, come tutti i base coat (questo un po’ di più) nel senso che protegge l’unghia dai pigmenti degli smalti, ad esempio se mettete uno smalto blu poi non vi ritrovate le unghie color puffo, ma se state cercando uno smalto sbiancante, allora non è questo quello che fa per voi. Per questo motivo trovo questo smalto molto simile all’altro di Kiko.

Rende l’unghia più forte e resistente: sì, sono d’accordo anche su questo punto.

Utilizzabile anche come top coat: sinceramente lo sconsiglio, intanto perché non mi piacciono molto i prodotti tutto in uno, preferisco prodotti specifici per ogni cosa, sicuramente hanno un’azione più mirata, e funzionano meglio da quel punto di vista. Se lo utilizzate come top coat potrebbe portar via un po’ di colore dallo smalto, all’interno della boccetta, soprattutto se lo usate sui rossi, quindi sinceramente per questo scopo vi consiglio altri smalti, top coat specifici.

In conclusione cosa penso di questo base coat? L’azione protettiva e rinforzante delle unghie c’è, ed ovviamente il suo lavoro primario da base coat, ovvero proteggere dai pigmenti, lo fa. Inoltre l’asciugatura è rapida, quindi è un prodotto che mi piace, anche perché il prezzo è relativamente basso, però comunque promette troppo rispetto a quello che fa in realtà, ed io questa cosa la odio, quindi se dovessi dare un voto da 1 a 10, gli darei un 7, perché le false promesse le odio davvero.

Insomma, se lo trovate scontato vi consiglio di farci un pensierino, ma se cercate qualcosa di più specifico direi che è il caso di puntare su altri prodotti. Comunque io mi sono trovata bene utilizzandolo come base 😉

Voi lo conoscete? Lo avete provato? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!!! ;D

Review My Nail Design – Uscita 5

Ehm ehm… mi scuso per l’enorme ritardo di questo post, dato che il fascicolo che andrò a recensirvi oggi era in edicola dal 22 aprile al 5 maggio… ma ho deciso di scriverlo comunque perché so che si possono comprare gli arretrati!

Vi avevo già parlato di quest’opera in questo post, e vi avevo detto che probabilmente non avrei comprato altri numeri… però mia zia, del tutto ignara di ogni cosa, sapendo che mi piacciono gli smalti, l’ha visto in edicola ed ha voluto regalarmelo… ❤ Grazie Zia Mimma!!! ;D

Questo è il numero in questione:

My Nail Design uscita 5

Questo numero contiene 2 smalti marca Sabrina Azzi (che non contengono Toluene, Canfora, DBP e Formaldeide), in boccette da 5ml l’uno, degli stickers per nail art ed un kit per lo stamping.
Il fascicolo è molto più interessante del primo a mio avviso: ci sono 3 diversi tipi di nail art, spiega diverse tecniche per ottere colori di smalti personalizzati, tra cui la Franken Polish, spiega come usare li olii essenziali per la manicure e quali scegliere e perché, e da consigli per la pedicure.

Ma parliamo nel dettaglio dei prodotti contenuti in questa uscita:

My Nail Design quinta uscita smalti

  • Base effetto mat: mi piace moltissimo! Opacizza veramente! Le basi mat inoltre serveno a far durare di più lo smalto, e a mio avviso questa fa veramente il suo lavoro! E non è tutto! Anche se sulla boccetta non è indicato (nella rivista però sì) è ideale anche come top coat effetto mat. Mi piace davvero molto come opacizza gli smalti colorati, molto consigliata! ;D
  • Smalto Urban Blue: anche questo mi piace parecchio, il colore è bellissimo, coprente in una passate e si stende senza difficoltà! 😉
  • Stickers Argentati: Non ho ancora avuto modo di provarli ma a prima vista sembrano proprio ciò che devono essere. Alcuni sono davvero molto lunghi quindi se non avete le unghie adeguate consiglio di tagliarli con molta precisione con delle forbicine affilate, in modo da insinuarsi tra i contorni del tribale e accorciare lo sticker senza rovinare il disegno, ma creandone due 😉

My Nail Design - Kit Stamping uscita 5

  • Timbro: E’ un normale timbro per stamping, funziona. Io sono stata sfortunata, perché anche se da questa foto non si vede, aveva un bozzo di silicone sul bordo, l’ho dovuto grattare via col taglierino… certo evito di usare la parte grattata per far rimanere su lo smalto, anche perché penso che non si trasferirebbe molto bene, ma per fortuna è solo sul una piccola parte del bordo. Devo dire che a me ogni volta capita il fascicolo con qualcosa di difettoso! XD
  • Scraper: E’ un normale raschietto, con la parte per raschiare in metallo, e funziona molto bene. Non graffia eccessivamente il plate 😉
  • Plate A01: E’ una piastra per stamping, non è di quelle della migliore qualità, però funziona. Ne ho provate decisamente di peggiori. La sua qualità è all’incirca come quelle Essence. I suoi disegni sono per la maggior parte floreali e molto carini 😉

Un giorno vi farò un post sullo stamping, come quello che vi ho fatto sul fimo, sempre se vi interessa! 😉

In conclusione devo dire che questo numero non mi ha per niente deluso, e anche se € 5,99 non sono così pochi, in questo caso, considerando la quantità e la qualità della roba che contiene ci possono stare ;D Sarà anche perché è stato un regalo, però io sono molto contenta di questa uscita ;D

Voi cosa ne pensate? Qualcuna di voi l’ha acquistata, oppure ha intenzione di ordinarla? Fatemi sapere la vostra opinione! ;D

Colore del Mese: Hemlock

E siamo già arrivati al terzo post della serie “Colore del Mese“.

Oggi andremo a scoprire il color hemlock, la cui traduzione dall’inglese significa “cicuta”, ovvero il famoso veleno con cui Socrate fu condannato a morire: infatti questa pianta è altamente tossica e si ritiene che la dose mortale per un essere umano sia di qualche grammo di frutti verdi.
Hemlock - Cicuta

Tuttavia questo non ha impedito al colore che porta il suo nome di essere tra i trend di questa privamera/estate.
Come spesso accade però, il colore e la cosa da cui questo ha origine non hanno la stessa tonalità! Questo infatti viene descritto come un verde salvia delicato e leggermente pastello.
Non potevano chiamarlo sage allora anziché hemlock? I misteri della vita…

Ad ogni modo, ecco a voi la mia interpretazione in esadecimale 9fcdb3:
Hemlock Color

E le immagini esplicative:

Hemlock Color
Hemlock Color
Hemlock Color
Hemlock Color

Purtroppo in questo periodo sono molto indaffarata per via dell’università, come potete notare anche dalla poca affluenza di post sul blog e non ho potuto fare shopping, e sempre per lo stesso motivo anche la nail art da me realizzata è davvero easy & fast. Il motivo principale, oltre alla mancanza di tempo è la necessità di dare spazio al colore, quindi mi scuso se non ho la tonalità corretta, anche se alla luce naturale è simile 😉

Ecco a voi quindi la Hemlock Chrome Holographic:
Nail Art Hemlock Chrome Holographic

Vi ricordo, che per sapere quali smalti di questo colore ci offre il mercato, sarà sufficiente consultare il post di UnghieSmaltate99 che vi linkerò alla fine di questo articolo: lei infatti ha raccolto per voi gli smalti di diversi brand, color Hemlock.

Questo è il materiale utilizzato:
Occorrente Hemlock Chrome Holographic Nail Art

e questo il procedimento, davvero semplicissimo:

  1. Ho passato la base Collistar su tutte le unghie ed ho aspettato che si asciugasse. Mi raccomando, quando si va ad usare uno smalto dall’effetto specchiato è assolutamente necessario utilizzare una base lisciante, quindi anche se non avete questa, è importate che quella che utilizzate lo sia.
  2. Ho steso lo smalto Crome di Pupa su indice, medio e mignolo, ed ho aspettato che si asciugasse.
  3. Su pollice ed anulare invece ho steso lo smalto Holographic di Pupa, ed ho aspettato che si asciugasse.
  4. Ed ora eccoci alla nail art vera e propria… bisogna giocare coi top coat per ottenere finish diversi e riuscire nell’intento ;D per questo motivo ho steso il top coat mat per valorizzare lo smalto cromato, ed il top coat effetto gel per valorizzare la brillantezza dello smalto olografico. Purtroppo ho avuto un problema di stesura sul medio, e per colpa della fretta non ho potuto sistemare… quindi per vedere bene questo gioco di finish, guardate l’anulare ed il mignolo 😉 (osservate pure il medio per capire come non deve venire, e quanto è differente il risultato se non si applica il top coat mat nel modo corretto).
  5. La penna correggi smalto ovviamente va usata solo se necessario, quando per errore si creano piccole sbavature di smalto, io preferisco passarla quando lo smalto è quasi asciutto perchè anche se è un pochino meno semplice rimuoverlo, la punta della penna si sporca decisamente meno ;)

Rimozione: nessun problema, nanche per quanto riguarda lo smalto olografico: nonostante sia super luminoso non contiene veri e propri glitter al suo interno, quindi la rimozione avviene in maniera tradizionale. E’ davvero uno smalto stupendo!

Infine vi lascio con la nail art che ha realizzato Bea, la mia collaboratrice. (per leggere il tutorial, cliccate sulla foto):
Colore Del Mese Maggio 2014 Hemlock

Per questo mese è tutto! Cosa ne pensate di questo colore? Fatemi sapere la vostra opinione! 😀

Base Coat Collistar – Correttore Filler Unghie, Anti-Imperfezioni, Anti-Giallo

Dopo avervi parlato delle mie basi Kiko, veniamo a quella di Collistar.

La principale differenza, direi che è il prezzo! Costa ben € 14,65 per 10 ml di prodotto… Veramente tantissimo per i miei standard! L’ho acquistata perché stavo cercando una buona base con effetto anti-giallo e anche questa volta pensavo di acquistare un prodotto Pupa, più precisamente la Base Sbiancante Anti-Giallo.
Nessuno dei due prodotti contiene Toluene, Canfora, DBP e Formaldeide, ma nella confezione dello smalto Collistar è specificato che il prodotto non contiene Parabeni. Ora, io non so se quello Pupa li contenga o meno, ma sulla confezione non è indicato. Tra l’altro l’argomento parabeni è ancora controverso, c’è chi dice che siano interferenti endocrini degli estrogeni e che quindi possano provocare cancro al seno, però questo non è ancora stato scientificamente dimostrato. Tuttavia in Francia per il principio di precauzione sono vietati, così come da noi il DBP.
Ma torniamo a noi… la base Pupa costa 7 euro per 5 ml di prodotto, quindi il prezzo è pressocché uguale ma lo smalto Collistar, oltre alla funzione anti-giallo ha anche la funzione filler, inoltre nella confezione è compresa un piccola lima trifasica. E così ho fatto la mia scelta:

Collistar - Correttore Filler Unghie, Anti-Imperfezioni, Anti-Giallo

Collistar – Correttore Filler Unghie, Anti-Imperfezioni, Anti-Giallo

Questa è la descrizione ufficiale del prodotto:

Correttore Filler Unghie
• anti-imperfezioni • anti-giallo
Assicura un immediato risultato estetico e una progressiva azione rigenerante, leviga e appiana la superficie delle unghie rendendole lisce e uniformi; copre ingiallimenti, macchie e imperfezioni; nutre, protegge e rinforza le unghie favorendone la progressiva ristrutturazione.

Ed ecco la mia opinione a riguardo:

Funzione anti-giallo: perfetta!!! Lo smalto ha un colore biancastro con al suo interno dei microcristalli azzurrini che in contrasto con l’ingiallimento dell’unghia, crea un effetto ottico che lo neutralizza all’istante, e col tempo aiuta l’unghia a mantenersi più bianca.
Funzione filler: molto buona! Trovo che sia migliore rispetto allo smalto Kiko, con una passata riempie molto meglio, tuttavia, come tutti gli smalti non può fare miracoli su unghia molto butterata, ma non consiglio una seconda passata del prodotto perché è troppo denso e a mio avviso non crea una buona base, perché rimane troppo alto e aumenta i tempi di asciugatura, che sono un po’ più lunghi di una base normale (ma non in maniera eccessiva). Quindi se in una passata non fa quello che deve fare… pazienza, è una questione di unghie. Non per niente al suo interno contiene la limetta che dovrebbe essere usata per sistemare i danni più gravi, prima di passare lo smalto. Vediamola meglio:

  1. Lato rosa: è la classica lima per unghie con una grana molto fine e delicata, adatta solo alle rifiniture finali. Per me è troppo delicata e non mi piace, non lima abbastanza per i miei gusti, ma credo che sia indicata principalmente per chi ha delle unghie che si sfaldano con facilità.
  2. Lato bianco: dopo aver raggiunto lunghezza e forma desiderata, possiamo passare alla levigatura dell’unghia, passando questo lato direttamente sull’unghia che vogliamo levigare. Particolarmente adatta per le unghie che hanno dei fastidiosi inestetismi verticali, anche questa è molto delicata e ci vuole un po’ di tempo e forza per ottenere l’effetto desiderato, allo stesso tempo non si rischia di rovinare troppo l’unghia involontariamente.
  3. Lato grigio: l’ultimo passo della manicure, serve a lucidare la superficie delle unghie, la parte migliore di questa limetta 😉

Gli svantaggi di questo smalto sono solo all’inzio, è necessario capire quando prodotto bisogna utilizzare perché renda al meglio, se ne prendiamo troppo ci troveremo con unghia troppo bianca (e se vogliamo lasciare le mani senza smalto colorato il risultato estetico non sarà dei migliori), ma se ne mettiamo troppo poco l’effetto filler ed antigiallo non si noteranno nemmeno. Dopo pochissima pratica sono sicura che non farete difficoltà a capire qual è la quantità giusta per le vostre unghie, posso dirvi che si deve vedere il loro colore naturale, ma più bianco, se il risultato è questo, allora lo avrete steso alla perfezione 😉

In conclusione: è un prodotto che consiglio vivamente! La limetta al suo interno non è il massimo, ma è meglio di niente, più che altro per le fasi 2 e 3, che funzionano bene, e lo smalto è davvero un buon prodotto. L’unica cosa che può far desistere dall’acquisto è il prezzo, tuttavia non ho trovato prodotti egualmente validi ad un prezzo inferiore, soprattutto considerando che con un solo prodotto si raggiungono due scopi, quindi si può comprare solo questo, anziché sia uno smalto antigiallo, che uno filler.

Spero di esservi stata utile, per qualsiasi altra informazione commentate pure! 😉