Archivio tag | nera

Campioncini di profumo – Parte Seconda

Continuo a parlarvi di profumo, con la seconda parte di questo articolo.

Nel caso in cui non ve ne foste accorti prima, sto procedendo in ordine alfabetico per brand, quindi oggi vi parlerò di questi 3 profumi:
Campioncini di Profumo
quindi ci sarà anche una terza parte di questo post, nella quale vi parlerò dei rimanenti due 😉

DAHLIA NOIR – Eau de Parfum

Givenchy presenta la nuova fragranza che trae ispirazione dall’Alta Moda Francese e dalla femminilità enigmatica della Maison Givenchy.
Dahlia Noir Eau de Parfum è l’emblema della donna magnetica, audace e sensuale. Per la prima volta in una fragranza la famiglia olfattiva poudré è accostata alla famiglia olfattiva ciprata per una creazione esclusiva e ricercata.

Givenchy ha creato diverse fragranze di questa serie, ma io oggi vi parlerò dell’ Eau de Parfum. Partiamo dal campioncino: non è di quelli tradizionali da un 1 ml col voporizatore, infatti me ne hanno dati almeno 7, perché sono quelli monodose da spalmare sulla pelle:
Givenchy DAHLIA NOIR - Eau de Parfum

Un fiore segreto, vellutato privo di aroma in natura che ha ispirato Riccardo Tisci regalandogli il desiderio di creare una fragranza che potesse raccontarne il profumo immaginario diventato realtà con Dahlia Noir, dalle note poudré e persistenti con accenni legnosi e tipicamente floreali.

Ed è il proprio desiderio di racconto che racchiude tutto il cuore di Dahlia Noir: in natura il fiore non possiede aroma ma la creatività di Riccardo Tisci lo ha trasformato in tangibile essenza nera e vellutata come la mussola lieve che sceglie per i suoi abiti da sogno. Per un’incarnazione di femminilità luminosa, straordinaria come la bellezza nascosta delle cose da scoprire.

A stretto contatto con François Demachy, sopraffino “naso” creativo, è nato l’Eau de Parfum che racchiude tutta la potenza delle note scelte per Dahlia Noir: gli accenti poudré evocano la dolcezza femminile realizzandosi in una profumazione chypre floreale a base di rosa, iris e mimosa arricchite, infine, da aromi legnosi come sandalo e patchouli.

Note di Testa: Pepe Rosa, Mandarino, Mimosa.

Note di Cuore: Iris, Rosa, Patchouli.

Note di Fondo: Vaniglia, Fava Tonka, Legno di Sandalo

Formati disponibili: Vapo. 50 ml (€ 79,50), Vapo. 75 ml (€ 96,50).

Givenchy Dahlia Noir Eau de Parfum

Cosa ne penso io? L’idea di trovare un profumo per un fiore che in natura ne è privo è semplicemente geniale! Il packaging non è nulla di eccezionale, ma sicuramente sarà comodo. L’idea di fare il campioncino in questa maniera invece è decisamente bocciata, è proprio scomodo! XD La fragranza? A mio avviso non è male, però non ha quel non-so-che che mi entusiasma e mi fa dire “lo voglio!” ma allo stesso modo indossarlo di tanto in tanto non mi disturba XD
Voto: 7.

La petite Robe noire – Eau de Parfum

Sono assolutamente indispensabile e decisamente irresistibile. Sono la creazione profumata di Guerlain, chic e tremendamente glamour. Il mio profumo è ricamato con le più belle note “nere” della profumeria: ciliegia nera, rosa nera, patchouli e tè nero. Il mio scrigno di vetro è il leggendario flacone “a cuore”, che è stato audacemente reinterpretato con un tocco moderno. La sua trasparenza cristallina, con sfumature che vanno dal nero al rosa cipria, rivela la silhouette del mio tubino nero, pronto per ballare!

Per la serie “La petite Robe noire” Guerlaine ha creato 4 fragranze, io vi parlerò dell’Eau de Parfum:
Guerlain La petite Robe noire - Eau de Parfum

Fiorito fruttato. Fresco, malizioso, ipnotico.
Il primo arabesque svela la ciliegia nera con una combinazione di mandorla, frutti rossi e bergamotto. Poi arriva la rosa, protagonista della seconda piroetta. Infine, la fava tonka fa la sua entrata in scena, inducendoti a cedere alla seduzione della mandorla, esaltata dal tè nero a creare una miscela fumé.

Note di Testa: Ciliegia Nera, Mandorla, Frutti Rossi, Bergamotto.

Note di Cuore: Rosa Bulgara, Rosa Turca.

Note di Fondo: Liquirizia, Té Nero Affumicato, Anice, Lapsang, Guerlinade.

Formati disponibili: Vapo. 30 ml (€ 53,50), Vapo. 50 ml (€ 75,00), Vapo. 100 ml (€ 107,00).

Guerlain La petite Robe noire - Eau de Parfum
Cosa ne penso io? Il package è molto bello, senza essere scomodo, ma la fragranza non fa proprio per me! Non mi piace, è troppo lontana dai miei gusti. 😦
Voto: 4.

Calèche – Soie de Parfum

Riconoscibile tra mille. Un profumo elegante e mitico. Un accordo senza tempo di note fiorite e legnose.

Hermès per questa serie ha creato oltre all’estratto di profumo, anche l’Eau de toilette e il Soie de parfum. Io vi parlerò di quest’ultimo:
Calèche Hermès

Una fragranza floreale e solare con note di legno aromatico, nata come un’ode alla luce. Un profumo radioso, voluttuoso e dalla scia avvolgente.

Calèche fù lanciato da Hermes nel 1961 e per molti anni è stato la loro fragranza femminile più venduta. E’ stato creato dal naso Guy Robert, e comprende bergamotto, mandarino, fiori d’arancio, aldeidi, gelsomino, mughetto, rosa, gardenia, iris, ylang-ylang, quercia, sandalo, cedro e vetiver. Nel 1992, Hermès lancia Caleche Soie de Parfum, una versione riformulata che si rivolge ad una donna più giovane e più moderna.
La Soie de Parfum ha un inizio un po’ duro, come fanno talvolta i profumi aldeidici. Nel giro di pochi minuti l’asprezza svanisce, il bergamotto e fiori d’arancio fanno una breve apparizione. Dopodiché sa di un tipico floreale. È molto delicato e non spicca nessuna nota.
In fondo, l’iris e legno di sandalo si intensificano, dando una fine liscia, setosa e cipriata. Nonostante la riformulazione, Caleche ha uno stile antico, ma a differenza di alcuni dei classici aldeidici floreali, non si sente fuori luogo per l’abbigliamento casual.

Purtroppo non sono riuscita a trovare le note aromatiche “ufficiale” di questo profumo 😦

Formati disponibili: Vapo. 50 ml (€ 94,00), Vapo. 100 ml (€ 131,00).

Calèche Hermès Soie de parfum

Cosa ne penso io? È un odore troppo pungente per i miei gusti. Inizialmente ricorda un po’ il borotalco, poi si sente molto il sandalo, che ha un aroma che non gradisco. Non mi piace molto.
Voto: 5.

Vi ricordo ovviamente che i voti sono semplicemente un mio gusto personale 😉

Ed anche per questo post è tutto, alla prossima, con la terza ed ultima parte di questa review! 😉

Annunci

Review My Nail Design – DeAgostini

Probabilmente avrete visto la pubblicità in TV di quest’opera in fascicoli che da questi giorni uscirà in edico a cadenza quindicinale. Io l’ho scoperta ieri grazie al blog di Laura ed ho deciso di comprare il primo fascicolo.

Nella foto vi mostro, oltre alla prima uscita, il piano dell’opera, ovvero tutto quello che trovere, in aggiunta ai fascicoli, se completerete l’intera collezione:

My Nail Design piano dell'opera

L’offerta lancio è di € 1,99 oltre al prezzo della rivista (Chi o TuStyle) e potrete trovare al suo interno 2 smalti marca Sabrina Azzi (che non contengono Toluene, Canfora, DBP e Formaldeide), in boccette da 5ml l’uno, nei colori bianco e rosino/biancastro non coprente, ovvero i classici colori della french manicure. Inoltre sempre per realizzare la french ci sono 10 giude, 10 stencil per 2 cuori, 10 stencil per 2 stelle, 20 adesivi di cuori rossi, 20 adesivi di stelle bianche.

Il prezzo delle uscite successive sarà di € 5,99 e l’intera collezione è composta da 60 uscite… l’opera completa quindi costerà € 355,40 a meno che non usufruiate delle promozioni da abbonamento nelle quali vi invieranno gratuitamente una pochette porta smalti vuota, ed un ventilatore asciuga smalto, inoltre avrete l’opportunità di comprare a €29,90 (+ € 5,90 per le spese di spezizione e consegna) una valigetta beauty in cui contenere tutti gli oggetti della collezione.

I fascicoli sembrano ben fatti, però non saprei perché nel primo numero dice di togliere le guide per la french quando lo smalto si asciuga… invece come tutti i vari stencil è meglio rimuoverle quando lo smalto è ancora bagnato… e non mi sembra un dettaglio indifferente in un’opera il cui scopo dovrebbe essere quello di insegnare la nail art a chi è alle prime armi. Comunque oltre a manicure e nail art (in questo numero si parla solo di french), c’è una sezione dedicata anche alla pedicure, e questa può essere molto interessante 😉

Ma parliamo nel dettaglio dei prodotti contenuti nella prima uscita:

My Nail Design prima uscita

  • Smalto bianco: mi piace, lo trovo indicato per la french manicure utilizzato con le guide da un buonissimo risultato 😉
  • Smalto rosato: è di quelli non coprenti come i classici smalti french, ed un rosa tendente al bianco, personalmente è una tonalità che non gradisco ma va a gusti, certe ragazze la amano.
  • Guide: nulla da dire, se utilizzate con lo smalto sotto assolutamente asciutto, e se ben applicate premendo bene ai lati, funzionano a dovere.
  • Stencil: non li ho provati, sono in carta e non plastificati, quindi un po’ più “fuffi” però non credo abbiano problemi, se non si strappano e se aderiscono bene all’unghia. Consiglio di tagliarli in verticale, per dividerli in due parti per un’applicazione migliore.
  • Adesivi a stella: Anche questi non li ho provati, e pure questi sono di carta… credo possano andare, ma esistono sicuramente adesivi migliori.
  • Adesvi a cuore rossi: riuscite a vederli nella foto? Il colore non combacia, quindi se non li colorerò manualmente prima di utilizzarli, saranno inutilizzabili, perché rossi con delle parti bianche sono proprio brutti. In edicola tutti i numeri avevano questo difetto, però magari alcuni numeri non hanno questo problema… Insomma, questi davvero pessimi.

Insomma, il succo è: 2 smalti per french, senza sostanze nocive a € 1,99. Se vi interessano vi consiglio il primo numero. Riguardo l’intera opera invece direi che può andare per le principianti prive di smalti e decori vari, altrimenti se siete già appassionate ed avete già il materiale ve la sconsiglio, anche perché il costo complessivo è notevole. Al massimo può essere un’idea andare in edicola a guardare il numero che uscirà per vedere cosa contiene e valutate poi voi se varrà la pena di acquistarlo. Per la prima uscita non sono pentita, soprattutto per lo smalto bianco, ma non credo proprio che andrò avanti a comprarla.

Voi cosa ne pensate? Fatemi sapere la vostra opinione! ;D