Archivio tag | Sabrina Azzi

Top Coat Review

Come sicuramente saprete, usare il top coat è una cosa fondamentale per migliorare la tenuta dello smalto e delle nail art!

E’ un passaggio che non va mai saltato perchè altrimenti una nail art per cui magari abbiamo impiegato due ore di tempo a realizzare, potrebbe già rovinarsi il giorno dopo… che nervoso!!! Allo stesso modo è importantissimo che il top coat in questione sia di buona qualità, e che non sia troppo vecchio, perché altrimenti una nail art perfetta, rischia di rovinarsi semplicemente a causa sua (una volta mi è successo, che rabbia!!!)

Ma come fare a trovare il top coat ideale? Sinceramente? Sperimentando! XD Peccato che non sia esattamente il metodo più comodo, ma per fortuna esiste internet, ed esistono le review! ;D E’ una vita che mi riprometto di scrivere questo post, ma poi continuo a rimandare… e a comprare nuovi top coat… e mi serve tempo per testarli… e così finalmente ho deciso!

In questo post io farò delle foto a tutti i miei top coat, con una brevissima descrizione tecnica. Successivamente, farò una review per ognuno di essi e poi la linkerò qua, in questo modo sarà più facile anche per voi vedere le varie differenze tra un prodotto e l’altro.
Perché “delle foto” e non “una foto”? Perché ho deciso di creare due categorie: una per i top coat “normali” ed una per quelli “speciali”, e poi, se nel frattempo comprerò altri top coat, aspetterò che diventino un po’ e metterò delle nuove foto di gruppo XD anche se sinceramente per ora direi di averne abbastanza per un po’ di tempo 😉

ma ora bando alle ciance e veniamo alle foto, anche se la maggior parte di essi li avrete sicuramente già visti nei miei tutorial:

Top Coat Review Kiko Essence Ciaté deBBY SinfulColors Rimmel London Sabrina Azzi

Top Coat Speciali Particolari Review Kiko Essence

In attesa di una review più dettagliata (come vedete alcune ci sono già) ve ne faccio una super rapida giusto per evitare di farvi compare prodotti inadeguati. Il 102 di Kiko è bocciato come Top Coat, anche se come base ci sta; il 101 è un prodotto mediocre, ve ne parlerò meglio, ad ogni modo non opacizza poi molto. Anche il 103 va preso con le pinze, ma ha molti pregi, seppur i suoi difetti.
Il Top Shine ha un pennello veramente stretto e sottile, ed a mio avviso è una grave pecca, ma in sostanza non è male. Quello di Ciatè ce l’ho da mesi ma non ho ancora voluto aprirlo per provarlo, visto che per ora ho davvero molti top coat aperti. Il better than gel nail di Essence non è fuori produzione, smettetela con questa voce! Hai i suoi pregi ed i suoi diffetti esattamente come il glow in the night. Quelli di Rimmel e di Sabrina Azzi li adoro, e quello di deBBY non l’ho ancora testato abbastanza.

Spero che questo articolo sia stato di vostro gradimento e di riuscire a fare al più presto una review dettagliata di tutto! 😉

…e voi che mi dite? Quali sono i vostri top coat preferiti? E quelli che detestate? Fatemelo sapere! ;D

Annunci

Tag – Nail Polish Guide for Christmas!

BeaNails del blog UNGHIESMALTATE98 ha ideato questo grazioso tag, in cui ognuna di noi è invitata a consigliare i colori più appropriati di smalti per le festività natalizie:
Nail Polish Guide For Christmas Tag

Ed io sono felice di rispondere! ;D

Secondo me i colori del Natale sono il rosso, il verde e l’oro, oppure il blu e l’argento. Per questo motivo ho selezionato per voi, dai miei oltre 130 smalti (sì, lo so, devo darmi una regolata!), tre di loro, per ognuno di questi colori:

Smalti Natalizi - Nail Polish Guide for Christmas Tag

Smalti Rossi

Smalti Natalizi Rossi - Christmas Xmas Red Nail Polish

  1. Kiko Sun Pearl 430 – rosso con oro shimmer
  2. Rimmel London Salon Pro with Lycra 323 – Riviera Red
  3. Kiko Laser 432 – Fluent Red

Lo smalto numero 1 è uno smalto shimmer a mio avviso super adatto al Natale, per via dei colori in esso contenuti, infatti l’anno scorso l’ho usato per una nail art natalizia, che potete rivedere cliccando QUI. Il 2 è un crème di una tonalità di rosso pieno, davvero adeguato, per saperne di più cliccate sul link. Il 3 invece è uno smalto iridescente, tono su tono, per chi vuole usare “solo uno smalto” senza rinunciare al tocco di originalità.

Smalti Oro

Smalti Natalizi Oro - Christmas Xmas Gold Nail Polish

  1. Pupa Art Base Taupe – Nail Art Kit City Safari n. 27
  2. Sabrina Azzi – Oro Metallico
  3. Kiko Fancy Top Coat  658 – Oro Rosa

Lo smalto numero 4 è uno smalto shimmer, oro scuro, quasi tendente al bronzo; abbinato nel modo giusto sa essere spettacolare! In numero 5 al contrario è un oro molto chiaro, quasi giallo. Purtroppo lascia qualche striatura ed è perfetto con un top coat mat. Il numero 6 invece è fantastico per le feste di Natale! E’ composto da pagliuzze dorate e sa rendere speciale ogni altro smalto!

Smalti Verdi

Smalti Natalizi Verdi - Christmas Xmas Green Nail Polish

  1. Kiko Celebration 423 – Verde acqua shimmer
  2. deBBY colorPLAY 169 – Verde shimmer
  3. Kiko Sun Pearl 428 – Verde con oro shimmer

Per i verdi ho optato per 3 smalti dal finish shimmer, perché secondo me il verde “troppo semplice” non fa abbastanza Natale! XD Il numero 7 purtroppo non è molto comprente ma con più passate si può anche usare da solo. Se invece preferite usare “la mutanda” lo smalto che si appresta perfettamente a questo scopo è il 343, sempre di Kiko, color Verde Primavera. Lo smalto numero 8 invece è più comprente ed intenso, del classico verde di Natale, un’ottima scelta! Per finire lo smalto numero 9, è della stessa tipologia del numero 1, e lo trovo magnifico! Il verde è un po’ più particolare, però è sempre molto adatto.

Smalti Argento

Smalti Natalizi Argento - Christmas Xmas Silver Nail Polish

  1. Kiko Mirror 616 – argento
  2. Pupa Holographic 30 – argento
  3. Sinful Colors 923 – Queen of Beauty

Lo smalto numero 10 ha il finish mirror, perfetto da usare per lo stamping. Il numero 11 è un bellissimo smalto olografico argento coprente in una passata anche da solo, è spettacolare! Il 12 invece è uno smalto glitter ed è perfetto per impreziosire qualsiasi tipo di nail art.

Smalti Blu

Smalti Natalizi Blu - Christmas Xmas Blue Nail Polish

  1. Kiko Fancy Top Coat  664 – Zaffiro
  2. Sabrina Azzi – Urban Blue
  3. Kiko 300 – Blu shimmer

Il 12 è uno smalto glitter con tanto di stelline… davvero fantastico per le festività! Il 13 è uno smalto crème blu molto scuro, davvero elegante (questi ultimi due usati in coppia poi li trovo spettacolari! Giudicate pure voi da QUESTA nail art), mentre il 14 è uno smalto shimmer che mi piace parecchio, di una tonalità di blu molto adatta per l’occasione.

Cosa ne pensate degli smalti che ho scelto per voi? Spero che vi piacciano, per me sono perfetti! ;D
Invito tutte voi che mi leggete a rispondere a questo tag, se non avete così tanti smalti ne basta uno per categoria, o addirittura solo uno, dipende dalle vostre disponibilità! 😉

In particolare io ho deciso di taggare: l’Angolo Degli Smalti, Hellenyna Tra Le Nuvole, La Ciffa Reloaded, Valerie, A Girls Delights.

Per chi non ha un blog, può rispondere nei commenti scrivendo il nome del suo smalto preferito per questo Natale 2014! 😉

Nail Art – Soft Stamping Flower

Ed ecco che finalmente vi mostro una nail art realizzata utilizzando la tecnica del soft stamping!!!

Per chi se lo fosse perso, ho spiegato molto dettagliatamente tutto quello che c’è da sapere sul meraviglioso mondo dello stamping in questo post: Lo STAMPING per Nail Art.

Nail Art Soft Stamping Flower

Questo è il materiale utilizzato:

Occorrente Soft Stamping Flower Nail Art

E questo è il procedimento:

  1. Ho steso la base Collistar su tutte le unghie ed ho aspettato che si asciugasse.
  2. Su tutte le unghie, tranne gli anulari, ho steso lo smalto rosa di SinfulColors.
  3. Sugli anulari ho steso lo smalto oro di Sabrina Azzi.
  4. Per realizzare il decoro sugli anulari ho utilizzato la tecnica del Soft Stamping, che vi ho illustrato dettagliatamente in questo post.
  5. Una volta asciugato lo smalto, ho applicato il top coat Rimmel London su tutte le dita.
  6. La penna correggi smalto ovviamente va usata solo se necessario, quando per errore si creano piccole sbavature di smalto, io preferisco passarla quando lo smalto è quasi asciutto perchè anche se è un pochino meno semplice rimuoverlo, la punta della penna si sporca decisamente meno ;)
  7. Il fast remover è molto importate per riuscire facilmente a pulire il disco di soft stamping tra un dito e l’altro ;D

Rimozione: basta il semplicissimo solvente per unghie. 😉

Cosa ne pensate di questa nail art? Vi piace? Fatemelo sapere! ;D

Review My Nail Design – Uscita 9

Ehm ehm… mi scuso moltissimo per l’enorme ritardo di questo post, dato che il fascicolo che andrò a recensirvi oggi era in edicola a metà giugno… ma anche stavolta, ho deciso di scriverlo comunque perché so che si possono comprare gli arretrati!

Vi avevo già parlato di quest’opera in questo post, e vi avevo già recensito l’uscita numero 5.
Oggi vi parlerò dell’uscita 9, che ho comprato perché ero desiderosa di provare il soft stamping 😉

Questo è il numero in questione:

My Nail Design uscita 9

Questo numero contiene uno smalto marca Sabrina Azzi (che non contiene Toluene, Canfora, DBP e Formaldeide), in boccetta da 5ml ed un disco di soft stamping, dello stesso brand.
Gli articoli contenuti nel fascicolo sono i seguenti: una panoramica generale sugli strumenti base che permettono a tutte, anche alle principianti, di facilitarsi il lavoro per realizzare le nail art, una guida per utilizzare il soft stamping, 3 tutorial di nail art, delle ricette naturali per realizzare in casa diverse maschere di bellezza sfruttando le proprietà degli agrumi, e dei consigli per prevenire i funghi alle unghie dei piedi.

Ma parliamo nel dettaglio dei prodotti contenuti in questa uscita:

My Nail Design nona uscita smalto e disco soft stamping

  • Smalto Oro: è uno smalto dal finish mirror o specchiato, quindi lascia qualche striatura purtroppo, come tutti gli smalti con questo finish, ma non sono evidenti come altri in mio possesso. Il colore mi piace, è un oro chiaro.
  • Disco per Soft Stamping: è il primo disco di soft stamping che io abbia mai provato in assoluto, ma devo dire che mi ci sono trovata bene. I soggetti sono carini e portabili.
    In questa foto (per cui ringrazio Magnumina, che mi ha evitato di scattarla, facendomi risparmiare tempo 😀 ) potrete vederne il retro più nel dettaglio:

Disco Soft Stamping Sabrina Azzi uscita 9

Per una guida dettagliata su come usarlo, vi rimando alla mia GUIDA SULLO STAMPING. Prossimamente pubblicherò una nail art realizzata con questo disco, nei commenti troverete il link che vi rimanderà a lei 😉

In conclusione devo dire che sono soddisfatta di questo acquisto. Sinceramente non ho idea dei costi dei dischi di soft stamping, perché per ora non ne sono molto informata, ad ogni modo € 5,99 per il soft stamping ed uno smalto non mi sembrano una cifra eccessiva, soprattutto considerato che il soft stamping funziona bene. 😉

Voi cosa ne pensate? Qualcuna di voi l’ha acquistata, oppure ha intenzione di ordinarla? Fatemi sapere la vostra opinione! ;D

Lo STAMPING per Nail Art

A 4 mesi di distanza, finalmente trovo il tempo per scrivere il secondo articolo di questa rubrica! Ovvero quella dedicata ai vari metodi, tecniche ed accessori di decorazioni per unghie! 😉

Il primo, per chi se lo fosse perso, o lo avesse totalmente rimosso, era quello sul FIMO. Sono felice di scrivere questo post, perchè finalmente potrò rispondere alle richieste di Magnumina, Elebonfy ed UnghieSmaltate98 😉 (scusate per il ritardo ragazze!!!)

Lo stamping è un tipo di decorazione rapido e dell’effetto, adatto soprattutto a chi adora i disegni sulle unghie, ma non ha dimestichezza con i pennelli.

Esistono tre tipologie di stamping: quello tradizionale, quello automatico (o autostamping) ed il soft stamping.

Questo è tutto il materiale di cui io dispongo in merito:
Stamping per nail art

Come potete notare, non ho la macchinetta per l’autostamping, e sinceramente neanche la voglio! XD
Si tratta di una macchinetta che rende automatico il processo di stamping classico, i vantaggi sono che con dei plate specifici si può comporre un disegno in vari colori e che anche chi ha pochissima manualità riesce ad autilizzarlo, gli svantaggi sono che il tampone non ruota quando trasferisce il disegno, quindi c’è più probabilità che venga impreciso, i dischi compatibili sono solo quelli di forma esagonale, non c’è modo di stampare il disegno centrale, e soprattutto non si può scegliere il punto in cui il disegno verrà stampato. Per questo motivo l’autostamping non fa decisamente per me.

Ma adesso parliamo dello stamping vero e proprio, quello tradizionale!

Iniziamo dalla teoria che c’è dietro: si tratta di usare un timbro, incassato anziché in rilievo, quindi una sorta di stampo, in cui deporre il nostro smalto liquido, perché possa prendere la forma del disegno che desideriamo comporre, trasferire quindi questo disegno realizzato con lo smalto su un tampone, che a sua volta lo trasferirà sulla nostra unghia.
A mio avviso la teoria è sempre la parte più difficile, con la pratica va sempre molto meglio! XD

Dunque, di cosa abbiamo bisogno per realizzare tutto questo? Ovviamente ci servirà un timbro, (il termine stamping è preso dall’inglese, e significa stampigilatura, ovvero l’applicazione di un timbro), che noi viene chiamato appunto “timbro”, “tampone” oppure, rubandolo alla lingua inglese, “stamp“.
Io ne ho 3 e sono tutti uguali a livello qualitativo, è difficile che la gommina di cui sono composti non funzioni (anche se in realtà uno aveva un difetto di fabbrica con un bozzo sopra, quello a sinistra nella foto, quindi in quella zona in cui ho rimosso il bozzo non è che funzioni granché, perchè la sua qualità principale deve essere l’uniformità, e deve essere liscio), però mi piacerebbe molto avere quello a due dimensioni, che è questo qua, della Konad:
Timbro Stamp Konad 2 dimensioni

Perché a volte il disegno per intero non ci sta su quello tradizionale e sarebbe bello avere un tibro più grande, altre volte per errore si prendono dei pezzi anche del disegno di fianco e sarebbe comodo avere un timbro più piccolo. Insomma, sicuramente è nella mia whislist! XD

L’altra cosa fondamentale di cui dobbiamo disporre è il plate, ovvero il disco su cui sono incisi i nostri disegni. Io ne ho 5: 2 di Essence, 2 di FengShangMei ed uno di marca ignota, trovato nel numero 5 di My Nail Design. I Plate di Essence funzionano, ed anche quello di MyNailDesign. Quelli di FengShangMei, si possono prendere e buttare, funzionano malissimo e si deve fare una fatica inaudita per ottere qualcosa. Per fortuna li avevo pagati solo 1 euro l’uno. Peccato perché ero stata tanto tempo a scegliere i disegni, e mi piacevano molto 😦 Ora ve li mostro tutti bene, così saprete riconoscerli e saprete che quelli non dovete comprarli mai!

stamping plate, dischi per stamping, soggetti plate Essence e non

Il “plate” (dall’inglese, “piastra”), o”disco”, è davvero la cosa fondamentale, se non è di ottima qualità, è praticamente inutile. Grazie a questo strumento, potrete decidere che cosa “stampare” sulle vostre unghie! 😉 Ricordate che quando vi vendono i plate, hanno sopra una pellicola adesiva quasi trasparente, per fare in modo che non si rovinino; ricordate di toglierla al primo utilizzo, altrimenti non riuscirete ad usarli! 😉 La marca più buona in assoluto per lo stamping, so essere la Konad, io però non ho mai avuto la fortuna di provarla, ma prima o poi me la procurerò 😉 In alternativa vi consiglio Essence. Riguardo alle altre marche in commercio va a fortuna… quello trovato nella rivista, c’è scritto che è made in China, ma non c’è scritta la marca, tuttavia è accettabile; quelli di FengShangMei, sempre made in China invece sono inutili (gli altri prodotti della stessa marca di accessori per nail art, generalmente sono di buona qualità, o per lo  meno accettabile)… quindi vedete voi, se ve la sentite di andare a tentativi fatelo, ma sappiate che potrete trovare brutte sorprese! XD Ad ogni modo qualcuna di voi conosce altre marche valide di plate per nail stamping? Fatemelo sapere! ;D

Infine, l’ultima cosa fondamentale per lo stamping è lo scraper (dall’inglese raschietto): non sottovalutatelo!!! Se non funziona bene, rischia di non far funzionare neanche un buon plate! Io ne ho 3, due con la “lama” metallica, ed uno con quella di plastica. Bene, quello interamente di plastica si può buttare, è inutile, o meglio: se il plate è fatto bene, funzionerà comunque, magari un po’ a fatica, ma se è un po’ scarso, non riuscirete a “stampare” nulla purtroppo! Un buono scraper quindi deve essere rigido (motivo per cui è consigliabile in metallo) ma allo stesso tempo non deve essere troppo “affilato” altrimenti vi graffierà moltissimo il plate, diminuendo la sua durata.
Io ne ho 3, quello di Essence funziona molto bene, anche se a mio avviso graffia un po’ troppo i plate, quello di My Nail Design funziona bene, e non graffia in maniera eccessiva, e l’altro… beh… lasciamo perdere! XD (non so esattamente da dove venga, mi era stato regalato e la confezione era una busta di plastica trasparente.

Benissimo, ora che vi ho illustrato gli accessori fondamentali di questa tecnica, passiamo a quelli “facoltativi”, ovvero gli smalti! In che senso facoltativi, vi starete chiedendo? E’ semplice, in commercio vedono smalti fatti apposta per lo stamping. Sono più densi degli smalti normali e molto più pigmentati; effettivamente funzionano meglio, ma se state usando un kit di stamping di buona qualità, quasiasi sia lo smalto che usiate, andrà benissimo! 😉
Ad ogni modo io ho entrambi i colori della linea di smalti per lo stamping di Essence, la linea si chiama “Stampy Polish” ed i colori disponibili sono solo due: “01 Stamp Me! White” e “02 Stamp Me! Black”. Generalmente uso questi smalti, ma ho provato ad usarne anche altri, e funzionano bene ugualmente 😉

Adesso che abbiamo visto approfonditamente tutto l’occorrente, passiamo finalmente al procedimento!

Ho pensato a tanti modi per descriverlo… ma sicuramente in questo caso le parole non sarebbero mai abbastanza, quindi vi lascio al video di Nail Lab (se notate Mikeligna sta usando i prodotti Konad) e poi vi dirò i miei “segreti” XD

Il procedimento iniziale, se si deve fare un solo stamping è sicuramente questo, ma se dobbiamo farne più di uno (in genere se ne fanno almeno 2, anche se si vuole fare un’accent, abbiamo due mani) è necessario prendere un dischetto di cotone, imbevuto di acetone e metterlo sul foglio di carta, ben aperto in orizzontale. Servirà per pulire eventuali residui di smalto dal tampone. Tra l’altro, ogni volta che si eseguono questi passaggi, prima di trasferire il disegno sull’unghia, bisogna sempre assicurarsi che tutto il disegno si sia trasferito sul tibro! Se così non fosse, il tampone va assolutamente pulito, e questa cosa si può fare appunto con il dischetto ben aperto sul tavolo. Mi raccomando, non dovete mai toccare il solvente finché non avete finito di utilizzarlo, altrimenti combinerete sicuramente irrimediabili disastri, andando inavvertitamente a rovinare qualche altra unghia che prima era perfetta xD
Per questo motivo, un’altro vostro fedele alleato, sarà un cotton fioc imbevuto di solvente, ma solo da un lato! Lui vi servirà per pulire il plater dai residui di smalto, tra un dito ed un altro. E’ importate che i materiali siano ben puliti ogni volta, altrimenti rischiate di fare danni 😉

Un altra cosa importante è pensare bene dove posizionare il decoro! Non mettetelo in un punto a caso della vostra unghia, mi raccomando, deve essere in una zona ben studiata, altrimenti l’effetto non sarà molto carino! 😉 Ed ho una foto che può dimostrarvelo! XD

Stamping Essence Fail posizione

Questo è stato il mio primo tentativo, ed ero così emozionata dal fatto di esserci riuscita (dato che mi ero documentata parecchio, e a quando pareva la cosa difficile era riuscire a far rimanere il disegno sul tampone) che non capivo più niente! Inoltre avevo letto anche che bisognava essere molto veloci, se non non si sarebbe trasferito (cosa che è parzialmente vera, nel secnso che bisogna essere abbastanza veloci, ma non c’è bisogno di essere Speedy Gonzales)  e così in preda all’ansia, ho posizionato i decori totalmente a caso! Oguno in un posto diverso e proprio sul pollice su cui avevo tanto spazio ho preso malissimo le misure! XD Sull’anulare poi, non sono riuscita a prendere il disegno per intero (di sicuro con il tampone più grosso sarebbe stato più facile, per questo voglio l’altro xD)
Quindi mi raccomando, ricordavi bene:

  • Don’t Panic!
  • Pensarete bene a dove va posizionato il decoro prima di farlo
  • Siate veloci ma non talmente tanto da non capire più che cosa state facendo
  • Se notate che sul tampone non è rimasto sutto il disegno (come nel caso del mio indice) pulitelo, senza stamparvi nulla sulle dita, e ripete il procedimento
  • Fate attenzione a non mettere niente di importante sulla pelle, altrimenti come nel caso di mignolo e pollice il disegno verrà tagliato
  • Correggere con la penna correggi smalto e tanta cura i punti in cui lo stamping rimane, ma sotto non c’è lo smalto (cosa che io sulla base dell’anulare non avevo fatto)

Un’altra cosa molto importante a cui dovete prestare attenzione è il top coat… potrete fare dei veri danni, se non aspettate che i vostri decori siano abbastanza asciutti!!! Ahimé, purtroppo anche io ho commesso questo errore, alla seconda applicazione!
Stamping Essence Fail top coat su smalto non asciutto

Come potete notare, tutto il lavoro del mio stamping, che era decente, è andato vanificato a causa del top coat… 😦 So che comunque non era venuto perfetto su tutte le unghie, però va beh, come seconda volta non era male… anche perchè ero riuscita a prendere il disegno per intero quasi in tutte… (ribadisco… col tampne più grosso, è più semplice! XD) peccato per tutte le striature che si sono fatte dopo… vi assicuro che avevo aspettato un bel po’ di tempo, ma evidentemente non era sufficiente… quindi mi raccomando, fate attenzione, ed aspettate il tempo giusto, non abbiate fretta!!!

Infine, ultima regola, ma importantissima, quando passate il tampone sull’unghia, non dovete premere ed alzare, ma dovete premere e ruotare il tampone da sinistra verso destra, oppure dall’alto verso il basso, in modo da non fare nessuno stacco netto, altrimenti vi succederà quello che è successo sul mio pollice e sul mio anulare: vedete il “filo” in basso? Quello a spirale? Se notate non è tondo, come invece lo è su indice e medio, il motivo è proprio quello, non avendo a”accompagnato” il tampone, ma avendolo alzato direttamente, lo smalto non si è attaccato bene, ha subito un “trauma” ed il disegno si è deformato anziché venire nella maniera corretta (è lo stesso problema che potete riscontrare se usate la macchinetta automatica per lo stamping).

Benissimo, dopo avervi illustrato il procedimento, avervi rivelato i miei segreti, ed avervi mostrato (non senza vergogna) le cose che non dovete fare quando usato lo stamping, posso dire di avervi detto tutto! ;D

Adesso non vi rimane che attrezzarvi di strumenti di buona qualità, e sperimentare! ;D

Per concludere questo articolo, non mi resta che illustarvi l’ultimo metodo di stamping, il soft stamping! E’ il più moderno dei tre, ed un po’ meno conosciuto.
Questa tecnica ci vuole semplificare ulteriormente il processo di stamping, ed allo stesso modo ci vuole permettere di poterlo realizzare con più colori.
Il timbro ed il plate diventano un’unico strumento, e lo scraper non ci serve più, viene sostiuito da un banale foglio di carta. I vantaggi a mio avviso sono molti, è più comodo e rapido, richiede molto meno utilizzo di acetone, e con un po’ di pratica si possono fare stamping multicolore 😉 Gli svantaggi sono due: il primo è che non è possibile controllare che il disegno si completo o meno, prima di stamparselo sull’unghia (allo stesso modo però è meno probabile che non sia completo), il secondo è che se non si attenzione c’è il rischio di deformare il disegno, dato che il plate è morbido, quindi se si “allarga troppo” a causa della nostra inesperienza incorriamo in questo inconveniente.

L’occorrente quindi è semplicemente il disco di soft stamping, e riguardo agli smalti vale lo stesso discorso che vi ho fatto prima 😉 L’importante è che siano ben pigmentanti, mi raccomando! Gli smalti effetto mirror sono particolarmente indicati per tutti i tipi di stamping, a mio avviso 😉

Purtroppo io possiedo un solo disco di soft stamping (dovrò sicuramente procurarmene altri! XD) l’ho trovato nel numero 9 di My Nail Design, ed è di marca Sabrina Azzi. Possi dirvi che funziona, ma non so se in commercio ne esistono altri di migliori, o di peggiori, avendo provato solo questo.

Ma come si usa il soft stamping? Fortunatamente Google Immagini è venuto in mio aiuto, risparmiandomi la fatica di fare le foto! (E’ una foto presa dal web alla quale ho aggiunto solo i numeri):

Soft Stamping How to Do

  1. Prendiamo il nostro disco di soft stamping e scegliamo il disegno che più ci ispira. La ragazza del tutorial, ha usato la rosa.
  2. Passiamo lo smalto del colore che desideriamo sul nostro disegno, le ha usato solo il blu. Avrebbe però potuto, magari aiutandosi con un pennellino, usare il rosso per la rosa, ed il blu per le foglie (cosa che tra l’altro deve aver fatto in un secondo momento, perché se notate sul pollice ha il disegno con due colori). Quando usate due colori diversi (o tre, o quanti desiderate, generalmente sul retro è indicata la colorazione che i produttori avevano pensato) assicuratevi che le parti di colori diversi, siano staccate tra loro. Se notate infatti, ad esempio la rosa, ha le foglie, che loro suggeriscono di fare verdi, staccate dal resto del disegno. Questa cosa è importante, perché se mettete due colori diversi nella stessa scanalatura, finiranno per unirsi. Per lo stesso motivo, se usate due colori, cercate di mettere poco smalto, e fatelo con un pennellino per nail art, in modo da essere il più precisi possibile, altrimenti nel passaggio 3, richierete di unire i colori, ed il risultato non sarà il massimo.
  3. Adesso dobbiamo togliere il colroe in eccesso! Con lo stamping classico si usa lo scraper, qui invece è sufficiente trascinare il disco su un foglio, in modo da rimuovere tutto l’eccesso di prodotto. Fate attenzione, dove trascinare il disco, NON tamponarlo, come dicono alcuni, altrimenti non riuscirete a togliere tutto il colore in eccesso.
  4. Ora non vi resta che assicurarvi che il colore sia presente sul disco, solo nella parte del disegno che vi interessa. Se così non fosse, rimuovete i residui con un cotton-fioc imbevuto di solvente, oppure grattateli via con un bastoncino per nail art, o uno stuzzicadenti (io consiglio il bastoncino per nail art, è più preciso, e non rischia di fare danni inavvertitamente).

Adesso non vi resta che trasferire il disegno sulla vostra unghia, premendo il tampone, e ruotandolo per fare aderire bene il disegno, sulla vostra unghia, ed il gioco è fatto! Fate attenzione a non deformare troppo il tampone mentre lo passare sull’unghia, altrimenti il disegno potrebbe venire impreciso.

Dopo aver trasferito il disegno sulla vostra unghia, con il cotton-fioc imbevuto di solvente, eliminate gli eventuali resuidi di smalto, prima di passare ad un nuovo dito: questo passaggio è importante, altrimenti lo smalto non aderirà più bene allo stampo, come la prima volta.

Mi raccomando, attenzione col top coat, o incapperete nello stesso problema che si aveva con il metodo precedente! 😉

Personalmente con il soft stamping mi trovo meglio, perché ho più possibilità di personalizzazione e devo usare pochissimo solvente, in questo modo non rischio di fare danni alle altre unghie… (che sclero quando accade!!! XD)

Ad ogni modo questi procedimenti sono relativamente semplici, ed il risultato finale è molto d’effetto 😀 La cosa importante è utilizzare dei nuovi prodotti, altrimenti si rischia di sclerare invano! XD

Ricordatevi, gli smalti che usate devono essere molto pigmentanti, altrimenti il risultato non sarà dei migliori. Inoltre la base delle unghie, deve essere sempre più chiara rispetto al colore del disegno, se no non si vedrà bene (a meno che non usiate lo smalto bianco apposta per lo stamping, ovviamente XD)

E con questo è davvero tutto! Come potete notare in questo post non vi ho fatto vedere esempi riusciti di nail art usando gli stamping, mi sembrava che fosse già abbastanza lungo! Ad ogni modo ho già due nail art pronte per voi, nel procedimento della quali vi rimanderò qui, quindi nei commenti potrete trovare il link delle nail art in cui ho usato lo stamping ;D

Spero di essere stata esaustiva, di aver esaudito le vostre richieste, e che questo post sia stato di vostro gradimento. ;D

PS Come promesso a Bea, uno dei prossimi argomenti sarà il foil, ma se avete altre richieste per altri appronfondimenti su decorazioni per unghie o altro, non esitate a chiedere! Sarò felice di scrivere per voi nuovi articoli di questa rubrica ;D (infatti ho scritto prima quello dello stamping perché eravamo a 3 richieste Vs 1 XD)

Nail Art – Night Sky from the Beach

In questi giorni di novembre… (come dite? Siamo a luglio? Domani è agosto??? Ma dai!!!) ripenso a com’era un tempo l’estate per me… tanto sole, tanto mare, tanta spiaggia… e tanto lunga!!! Spesso la spiaggia non ci abbandonava neanche di sera, le stelle erano bellissime e l’acqua calda, e così, ispirata a quei ricordi, ho realizzato questa nail art:
Nail Art - Night Sky from the Beach

Questo è il materiale utilizzato:

Occorrente Nail Art - Night Sky from the Beach

E questo il procedimento:

  1. Ho steso il base coat su tutte le unghie ed ho aspettato che si asciugasse.
  2. Ho steso lo smalto Urban Blue su tutte le ugnhie, tranne gli anulari, ed ho aspettato che si asciugasse.
  3. Sempre su queste unghie, dopo essermi assicurata che fossere asciutte, ho steso il fancy top coat, facendo attenzione a fare in modo di non prendere le stelline, per evitare di rendere troppo “pucciosa” questa nail art.
  4. Sugli anulari ho steso lo smalto Pistacchio ed ho aspettato che si asciugasse.
  5. Dopo essermi assicurata che gli anulari fossero asciutti, ho steso il top coat Top Shine, in modo da proteggere lo smalto anche su queste unghie, senza però rovinare il suo particolare finish.
  6. La penna correggi smalto ovviamente va usata solo se necessario, quando per errore si creano piccole sbavature di smalto, io preferisco passarla quando lo smalto è quasi asciutto perchè anche se è un pochino meno semplice rimuoverlo, la punta della penna si sporca decisamente meno ;)

Il top coat “Fancy” l’ho trovato molto valido. L’avevo comprato solo per i brillantini, ma devo dire che funziona bene anche il suo aspetto top coat, non è il solito smalto trasparente con dentro i brillantini, come si può pensare, ma è un top coat vero e proprio 😉

Rimozione: Va usato il metodo della carta stagnola, perché sia i glitter che gli smalti sabbiati sono molto resistenti.

Se volete una variante più sobria, sugli anulari anziché usare lo smalto cupcake, potete fare lo stesso procedimento delle altre dita, avendo cura di aggiungere anche le stelline, in modo che rimanga un’accent manicure 😉

E con questo è tutto, fatemi sapere le vostre opinioni a riguardo! ;D

Review My Nail Design – Uscita 5

Ehm ehm… mi scuso per l’enorme ritardo di questo post, dato che il fascicolo che andrò a recensirvi oggi era in edicola dal 22 aprile al 5 maggio… ma ho deciso di scriverlo comunque perché so che si possono comprare gli arretrati!

Vi avevo già parlato di quest’opera in questo post, e vi avevo detto che probabilmente non avrei comprato altri numeri… però mia zia, del tutto ignara di ogni cosa, sapendo che mi piacciono gli smalti, l’ha visto in edicola ed ha voluto regalarmelo… ❤ Grazie Zia Mimma!!! ;D

Questo è il numero in questione:

My Nail Design uscita 5

Questo numero contiene 2 smalti marca Sabrina Azzi (che non contengono Toluene, Canfora, DBP e Formaldeide), in boccette da 5ml l’uno, degli stickers per nail art ed un kit per lo stamping.
Il fascicolo è molto più interessante del primo a mio avviso: ci sono 3 diversi tipi di nail art, spiega diverse tecniche per ottere colori di smalti personalizzati, tra cui la Franken Polish, spiega come usare li olii essenziali per la manicure e quali scegliere e perché, e da consigli per la pedicure.

Ma parliamo nel dettaglio dei prodotti contenuti in questa uscita:

My Nail Design quinta uscita smalti

  • Base effetto mat: mi piace moltissimo! Opacizza veramente! Le basi mat inoltre serveno a far durare di più lo smalto, e a mio avviso questa fa veramente il suo lavoro! E non è tutto! Anche se sulla boccetta non è indicato (nella rivista però sì) è ideale anche come top coat effetto mat. Mi piace davvero molto come opacizza gli smalti colorati, molto consigliata! ;D
  • Smalto Urban Blue: anche questo mi piace parecchio, il colore è bellissimo, coprente in una passate e si stende senza difficoltà! 😉
  • Stickers Argentati: Non ho ancora avuto modo di provarli ma a prima vista sembrano proprio ciò che devono essere. Alcuni sono davvero molto lunghi quindi se non avete le unghie adeguate consiglio di tagliarli con molta precisione con delle forbicine affilate, in modo da insinuarsi tra i contorni del tribale e accorciare lo sticker senza rovinare il disegno, ma creandone due 😉

My Nail Design - Kit Stamping uscita 5

  • Timbro: E’ un normale timbro per stamping, funziona. Io sono stata sfortunata, perché anche se da questa foto non si vede, aveva un bozzo di silicone sul bordo, l’ho dovuto grattare via col taglierino… certo evito di usare la parte grattata per far rimanere su lo smalto, anche perché penso che non si trasferirebbe molto bene, ma per fortuna è solo sul una piccola parte del bordo. Devo dire che a me ogni volta capita il fascicolo con qualcosa di difettoso! XD
  • Scraper: E’ un normale raschietto, con la parte per raschiare in metallo, e funziona molto bene. Non graffia eccessivamente il plate 😉
  • Plate A01: E’ una piastra per stamping, non è di quelle della migliore qualità, però funziona. Ne ho provate decisamente di peggiori. La sua qualità è all’incirca come quelle Essence. I suoi disegni sono per la maggior parte floreali e molto carini 😉

Un giorno vi farò un post sullo stamping, come quello che vi ho fatto sul fimo, sempre se vi interessa! 😉

In conclusione devo dire che questo numero non mi ha per niente deluso, e anche se € 5,99 non sono così pochi, in questo caso, considerando la quantità e la qualità della roba che contiene ci possono stare ;D Sarà anche perché è stato un regalo, però io sono molto contenta di questa uscita ;D

Voi cosa ne pensate? Qualcuna di voi l’ha acquistata, oppure ha intenzione di ordinarla? Fatemi sapere la vostra opinione! ;D